Regione: Molise; Toma, assessori 'a scadenza'

mercoledì 16 maggio 2018



ZCZC3520/SXR
OAQ25021_SXR_QBKX
R REG S43 QBKX

Governatore, verifiche ogni 6 mesi. Romagnuolo su Presidenza
   (ANSA) - CAMPOBASSO, 16 MAG - I quattro assessori nominati
ieri nell'Esecutivo guidato da Donato Toma (centrodestra),
Nicola Cavaliere e Roberto Di Baggio (Forza Italia), Vincenzo
Cotugno (Orgoglio Molise) e Vincenzo Niro (Popolari per
l'Italia), sono espressione della 'media ponderata', con qualche
variante, e della rappresentatività delle liste che hanno
sostenuto il Governatore emersa dopo il voto dei molisani. Ô
questo, in sostanza, il metodo, condiviso dal tavolo della
maggioranza, adottato dal Presidente della Regione per la nomina
dei componenti l'Esecutivo.
    Manca un tassello, quello del quinto assessore, che non
poteva essere nominato ieri in quanto la modifica dello Statuto
(quinto assessore), è stata promulgata contestualmente alle
nomine, ma che resta 'in quota' alla Lega, ha spiegato Toma.
   Al momento, però, Aida Romagnuolo (Lega), in poll per entrare
a far parte della Giunta, ha chiesto ufficialmente di sospendere
la nomina in quanto ha intenzione di candidarsi alla carica di
Presidente del Consiglio. Se ne parlerà, dunque, dopo la prima
riunione dell'Assemblea regionale in programma il 21 maggio.
    Tra le novità anticipate da Toma e che oggi ha detto saranno
comunicate agli interessati, quella che riguarda la "scadenza"
dei componenti l'Esecutivo. In sostanza il Governatore fisserà
gli obiettivi e se non verranno raggiunti gli assessori, come
extrema ratio, potrebbero anche essere rimossi. La verifica
avverrà ogni sei mesi. "La parola d'ordine - ha sottolineato
Toma - è produttività". Tra le azioni programmatiche, si partirà
dai Fondi comunitari e su questo aspetto verranno tarate le
priorità e gli obiettivi da conseguire. Le deleghe verranno
assegnate dopo la prima riunione a Palazzo D'Aimmo, in quanto
devono essere ancora sistemate alcune caselle: Sottosegretario e
presidente dell'Assise regionale. Un work in progress, dunque,
che dovrebbe trovare la sua 'naturale' conclusione entro la
prossima settimana. Toma in conferenza stampa ha parlato anche
delle deleghe da assegnare per le quali "c'è bisogno di valutare
esperienza e competenze, altrimenti facciamo danni, ma avremo
tempo per ragionare". Anche in questo caso, dunque, tutto è
rimandato a quello che emergerà dopo la prima seduta del
Consiglio. (ANSA).

     YM9-PRO/PRO
16-MAG-18 12:33 NNN