Riforme: Candiani, lavoro revisione Testo Unico Enti locali

mercoledì 24 aprile 2019



ZCZC4955/SXA
XCI99994_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB

(v. "Province: riunione Tavolo.." delle ore 13:47)
   (ANSA) - ROMA, 24 APR - Si è riunito stamattina il tavolo
tecnico  per la revisione del Testo Unico degli Enti Locali
presieduto dal Sottosegretario di Stato del Ministero
dell'Interno Stefano Candiani.
   Occasione questa per presentare alle rappresentanze di
Comuni, Province e Regioni la bozza della sintesi sul riordino
delle Province e delle Città Metropolitane. "Ho trovato anche
oggi ampia condivisione in merito al superamento della
situazione attuale  ridisegnando un ruolo delle Province
unanimemente ritenute fondamentali per la gestione del
territorio - riferisce Candiani - Occorre andare oltre agli
schemi attuali, dimostratisi incapaci di risolvere
funzionalmente gli obbiettivi delle Città Metropolitane. La
proposta si  arricchirà quindi con le considerazioni emerse
durante il confronto odierno, con un nuovo testo di sintesi che
sarà presentato nella prossima riunione fissata il 16 maggio".
   Presenti alla seduta insieme al Sottosegretario Stefano
Candiani e al Viceministro Laura Castelli, il vicepresidente di
Anci Filippo Nogarin, il rappresentante Anci Città Metropolitane
Giuseppe Falcomatà, il presidente della Provincia di Treviso
Stefano Marcon, il Direttore Generale di Upi Piero Antonelli e,
per le Regioni, il vicepresidente della Regione Piemonte Aldo
Reschigna e i responsabili dei Dipartimenti del Ministero
dell'Interno e dell'Economia e delle Finanze.
   "Sono contento che la collaborazione col Mef e in particolare
col Viceministro Castelli stia continuando a dare buoni esiti -
conclude Candiani - Insieme, stiamo condividendo la necessità di
muoversi nella direzione di dare non dei semplici aggiustamenti
puntuali alla norma ma di giungere all'obbiettivo di un ampio
disegno che riconfiguri i rapporti istituzionali di Comuni,
Regioni e Province, anche attraverso la possibilità di un
ritorno a un'elezione di primo grado che restituisca legittimità
a quest'ultimo ente".

(ANSA).

     VR
24-APR-19 15:19 NNN