GOVERNO. ROSSI: NON MI RICREDO SU M5S, MA ZINGARETTI GESTITO BENE

mercoledì 11 settembre 2019


ZCZC
DIR0269 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT 

(DIRE) Firenze, 11 set. - "Non mi ricredo di quello che pensavo"
sui 5 Stelle. Lo afferma il presidente della Toscana, Enrico
Rossi, parlando ai microfoni di Radio 1 del nuovo governo. Alcune
settimane fa il presidente della Regione aveva espresso tutta la
propria contrarieta' all'alleanza coi 5 Stelle, a seguito della
crisi di governo di agosto. "Do atto a Zingaretti- aggiunge- di
essersi fatto carico comunque di opinioni diverse e di aver
trattato bene questa fase delicatissima. Bisogna guardare avanti,
a questo punto, affinche' il nuovo governo duri e faccia tutte le
cose che ha promesso". Dell'agenda del Conte bis il presidente
Rossi apprezza soprattutto la volonta' di rilancio dello Stato
sociale, l'impegno su sanita', scuola, tutela del lavoro,
investimenti sul Green new deal. Ma, avverte, "tutto questo deve
considerare la situazione dei conti pubblici. E un po' mi
preoccupa. Non basta affidarsi alla benevolenza che ci potra'
venire con la nomina di Gentiloni" a commissario europeo.
   "Cosi' come- sottolinea ancora- e' serissimo il problema della
crescita". Rossi resta prudente anche sull'ipotesi di una
coalizione elettorale coi pentastellati in vista delle prossime
regionali in Toscana: "In politica e' possibile quasi tutto, ma
bisognerebbe rendere conto ai cittadini  dei cambiamenti che si
mettono in atto a livello politico- evidenzia- e soprattutto
dell'impatto che possono avere su cose concrete, sul governo
reale". Del resto le differenze su alcuni temi infrastrutturali
di primo piano sono significative: "In Toscana abbiamo un
problema legato all'adeguamento della pista dell'aeroporto di
Firenze, una questione sulla quale i 5 Stelle sono sempre stati
contrari".
  (Cap/ Dire)
10:32 11-09-19

NNNN