Autonomia: Zaia; non visto Report, veneti non tornano indietro

martedì 5 novembre 2019


ZCZC4438/SXA
OVE80664_SXA_QBXB
R CRO S0A QBXB

   (ANSA) - VENEZIA, 5 NOV - "Ai giornalisti di Report ho detto
subito di voler rilasciare l'intervista sull'Autonomia, e ho
parlato con loro per un'ora; ma non ho visto la trasmissione,
perché non guardo la tv". Così il presidente del Veneto, Luca
Zaia, ha commentato la trasmissione Rai dedicata all'autonomia,
andata in onda ieri. "In ogni caso, se si pensa di far fare
marcia indietro ai veneti, chi ci prova rischia l'effetto
boomerang. Il giornalismo propone tesi, l'accademia altre. E
questa volta Report ha deciso di difendere la propria storia
contro l'accademia".
   Sul tema dei lep, Zaia ha quindi aggiunto: "bisogna ricordare
che i livelli essenziali non riguardano tutte e 23 le materie,
ma solo 4 o 5: noi comunque chiediamo che si facciano subito,
perché faranno emergere le inefficienze. Inoltre, non va
dimenticato che esistono già, in sanità: si chiamano lea e sono
la base per spartirci 110 miliardi di euro di torta, in virtù
delle prestazioni da fornire ai cittadini. Bisogna però che
qualcuno mi spieghi perché ci sono Regioni che esportano malati:
è un problema di efficienza, evidentemente qualcosa non funziona
se ci sono Regioni che, a parità di abitanti del Veneto, hanno
più primariati o posti letto".
   "Non è vera - ha concluso Zaia - la teoria che si pagherà il
conto dell'applicazione dei lep. Ma a tutti i cittadini devono
essere garantite le stesse prestazioni: è un problema non di
trasferimenti, ma di efficientamento". (ANSA).

     YWQ-CO
05-NOV-19 13:47 NNN