Consiglio Abruzzo: sì modifica testo referendum elettorale

martedì 5 novembre 2019


ZCZC0985/SXR
OAQ87209_SXR_QBXA
R CRO S43 QBXA

   (ANSA) - L'AQUILA, 5 NOV - Il Consiglio regionale, nella
seduta straordinaria che si è svolta oggi all'Aquila, ha
approvato in un clima di polemiche da parte delle opposizioni
del centrosinistra e del M5S, la integrazione da apportare alla
richiesta di referendum abrogativo in senso maggioritario della
legge elettorale nazionale, testo caro alla Lega che era stato
licenziato alla fine di settembre dall'assemblea abruzzese.
   L'argomento era calendarizzato alle ore 15, nell'ambito del
"consiglio straordinario" con le ragioni dell'urgenza dettate
dalla scadenza dell'8 novembre: oltre quella data la richiesta
di referendum sarebbe stata considerata nulla. L'aggiornamento
si è reso necessario perché la Cassazione ha giudicato non
accettabile la dicitura sintetica prevista, chiedendo la
modifica in "Abolizione del metodo proporzionale
nell'attribuzione dei seggi in collegi plurinominali, nel
sistema elettorale della Camera dei Deputati e nel Senato della
Repubblica".
   Il presidente dell'assise, Lorenzo Sospiri, si è trovato
costretto ad anticipare la trattazione del punto di mezzora,
perché la maggioranza era alle prese con numeri esigui a causa
di due assenze: quella del consigliere regionale dell'Udc
Marianna Scoccia, e quella della leghista Antonietta La Porta.
Servivano, per approvare l'istanza, 16 voti (la maggioranza ne
ha 17 senza la Scoccia) e così Sospiri ha accelerato
costringendo, di fatto, a restare in aula il forzista Umberto
D'Annuntiis, sottosegretario alla presidenza del consiglio
regionale nonostante fosse alle prese con una grave questione di
carattere familiare che lo ha costretto ad andare via anzitempo,
nel pomeriggio. Anche su questo i Cinque Stelle e il Pd hanno
attaccato.(ANSA).

     XSB-PRO
05-NOV-19 20:49 NNN