==Autonomia: Cirio, no al testo Boccia, si rischia il rinvio

mercoledì 13 novembre 2019


ZCZC1495/SXA
XSP84391_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB


   (ANSA) - ROMA, 13 NOV - "Apprezziamo la possibilità di
confrontarci venerdì con il ministro Boccia sulla sua proposta
per l'autonomia, ma se il testo rimarrà così diremo di no". Lo
dichiara il governatore del Piemonte Alberto Cirio in
un'intervista al Sole 24 Ore in cui spiega: "Quello che mi
spaventa, e mi fa dubitare e sospettare, è la questione dei
livelli essenziali delle prestazioni (Lep), perché la
definizione di questo aspetto, che oggi è fumosa, rischia di
diventare un appiglio per rimandare tutto sine die".
   "Non ci fanno paura i Lep, tutt'altro, esistono già in
sanità, ma vogliamo sapere di quali settori parliamo e con quali
parametri definiamo i Livelli essenziali delle prestazioni",
dice Cirio. "La legge, per come è impostata, prevede che si
possa applicare l'autonomia una volta definiti tutti gli
aspetti. Il rischio che si tratti di un 'trappolone' è reale".
   "Il ministro Boccia dimostri buona fede, si parta dai costi
storici per ogni regione e nel frattempo si lavori per definire
i costi standard. Se una regione spende 100 continuerà ad avere
100, se farà economie potrà utilizzare le risorse per altri
servizi, se sforerà dovrà far fronte alla spesa", propone Cirio.
"Si tratta di un principio che non danneggia nessuno, permette
di applicare l'autonomia da subito e di definire, nel frattempo,
i Lep. C'è poi - conclude - un'altra questione: il presidente
del Consiglio Conte deve dire cosa pensa dell'autonomia, serve
una posizione politica chiara". (ANSA).

     Y89-LEM
13-NOV-19 09:54 NNN