Autonomia: F.Boccia, discussione deve coinvolgere Paese

venerdì 6 dicembre 2019



ZCZC
AGI0492 3 POL 0 R01 /


(AGI) - Napoli, 6 dic. - "L'autonomia si', intesa come
principio di sussidiarieta' e come lotta senza quartiere alla
diseguaglianza, non solo tra Nord e Sud, ma anche tra aree
diverse del Nord e aree diverse del Sud". Cosi' il ministro per
gli Affari Regionali, Francesco Boccia, a margine di un
convegno all'universita' Suor Orsola Benincasa di Napoli. "Le
aree di montagna e le aree interne necessitano, mai come in
questo momento storico, di un intervento dello Stato - spiega
Boccia - questa discussione deve caratterizzare il
coinvolgimento di tutto il Paese. Le Regioni, devo dire con un
contributo molto generoso da parte di tutti, si sono risedute
al tavolo e questo e' un valore che secondo me non dobbiamo
disperdere. Abbiamo avuto un contributo eccellente anche dalle
citta' metropolitane, dal sindaco di Bari che e' presidente
dell'Anci, De Caro, che ha fatto la sintesi per gli enti
locali. Abbiamo coinvolto anche gli enti locali in questo
percorso".
    L'esponente dell'Esecutivo, pero', sottolinea che "ora
tocca al Parlamento dire l'ultima parola" perche', "tra
l'altro, questo e' un collegato alla manovra. Quindi il
Parlamento avra' il tempo per riflettere, per confrontarsi, per
ascoltare il Paese e poi per tirare le somme".
    Quanto alle polemiche legate al settore dell'istruzione che
arrivano dalla Lombardia, Boccia evidenzia che si tratta di "un
confronto che va avanti da anni". Chiarisce, infatti, che "la
legge quadro che stiamo proponendo con un disegno di legge
collegato alla manovra era un impegno che il Governo ha assunto
il giorno del voto di fiducia ed era dentro la nota di
aggiornamento al Def. Il lavoro straordinario fatto in questi
tre mesi da tutte le Regioni, Lombardia compresa, ci ha
consentito di proporre al Parlamento un disegno di legge
organico che aggiunge all'articolo 116 comma 3 anche
l'attuazione di tutti gli altri articoli della Costituzione, in
particolar modo il 119 che prevede la perequazione". (AGI)
Sa2/Lil
061348 DIC 19

NNNN