SALUTE: PARTE IN E.ROMAGNA VACCINAZIONE CONTRO VIRUS HPV

giovedì 6 marzo 2008



ZCZC
AGI2255 3 CRO 0 R01 / SAN

SALUTE: PARTE IN E.ROMAGNA VACCINAZIONE CONTRO VIRUS HPV =
(AGI) - Bologna, 6 mar. - Parte nei prossimi giorni in
Emilia-Romagna il programma regionale di vaccinazione contro
alcuni tipi di Hpv (16 e 18), virus a trasmissione sessuale
molto frequente soprattutto nelle giovani donne attorno ai 25
anni di eta'. Questo virus, in circa il 90% dei casi, provoca
infezioni transitorie, asintomatiche, che guariscono
spontaneamente ma, seppure in rari casi, alcuni tipi di HPV
(Human Papilloma Virus) - e tra questi i piu' pericolosi sono i
tipi 16 e 18 - possono provocare alterazioni cellulari del
collo dell'utero che, se non curate con tempestivita', possono
evolvere in tumore (il 70% di questi tumori, che l'OMS
riconosce come sicuramente causati da un'infezione virale,
deriva da infezione persistente da Hpv 16 e 18). La delibera
della Giunta (236/2008), che specifica le modalita' con le
quali e' realizzato il programma regionale, recepisce l'intesa
Stato-Regioni del dicembre 2007 che lancia la vaccinazione
contro l'Hpv 16 e 18 in tutto il territorio nazionale
specificando la gratuita' della vaccinazione per le 12enni.
    "Il vaccino e' un investimento sul futuro", ha sottolineato
l'assessore regionale alle Politiche per la salute Giovanni
Bissoni. "E' un'opportunita' importante che va colta, senza
pero' abbassare la guardia sui programmi di screening, che
garantiscono la vera copertura generalizzata a tutte le donne".
    L'efficacia della vaccinazione e', infatti, massima
(90-100%) se la ragazza non e' ancora entrata in contatto con
l'Hpv: la certezza di non avere contratto il virus si ha solo
se non si hanno ancora avuto rapporti sessuali. L'efficacia
della vaccinazione, se invece la ragazza e' gia' entrata in
contatto con il virus, si riduce a circa il 40%.
    In Emilia-Romagna dunque, come nelle altre Regioni, la
vaccinazione e' offerta gratuitamente alle ragazze nel
dodicesimo anno di vita (dal compimento degli 11 anni e fino al
compimento dei 12): a partire dalla meta' di marzo, le Aziende
Usl invieranno una lettera di invito alle ragazze (16.611 in
totale) nate nel 1997.
    Per il 2008, come auspicato a livello interregionale, la
vaccinazione gratuita e' offerta - non con lettera di invito ma
su richiesta dei genitori - anche alle nate nel '96 per
rispondere alle attese dei genitori considerando che il vaccino
contro Hpv 16 e 18 e' stato autorizzato lo scorso anno.
    Il ciclo vaccinale e' di 3 dosi in un arco di tempo di 6
mesi.
    Le vaccinazioni sono effettuate dai Servizi vaccinali delle
Aziende Usl.
    Il programma dell'Emilia-Romagna prevede anche
l'opportunita' di poter effettuare la vaccinazione presso i
Servizi vaccinali del Servizio sanitario regionale, e a prezzo
agevolato, alle ragazze dai 12 anni e fino al compimento dei 18
anni, su richiesta dei genitori. Il costo per le utenti - a
dose - e' calcolato sulla base del prezzo di acquisto del
vaccino da parte della Regione - 92,29 euro - e del costo della
prestazione - 14,50 euro - (in farmacia una dose del vaccino
costa oltre 150 euro e il costo della prestazione e' stabilita
da ciascun medico).
    Dopo i 18 anni le ragazze che intendono vaccinarsi devono
rivolgersi al proprio medico di fiducia sia per la prescrizione
che per la somministrazione del vaccino, da acquistare in
farmacia con ricetta medica. E' utile ricordare che dopo i 26
anni non ci sono prove di efficacia del vaccino in quanto gli
studi effettuati riguardano donne sotto i 26 anni.
    E' opportuno ricordare che la vaccinazione non protegge da
tutti i tumori del collo dell'utero: ci sono infatti un 30% di
questi tumori che non derivano da una infezione da Hpv 16 e 18.
Per questo, e' fondamentale continuare ad effettuare il pap
test, un semplice esame che permette di evidenziare tutte le
lesioni del collo dell'utero, anche quelle dovute ad altri tipi
di Hpv. Al riguardo, fin dal '96, in Emilia-Romagna e' in corso
il programma di screening gratuito per la prevenzione e la
diagnosi precoce dei tumori del collo dell'utero che prevede
l'esecuzione di un pap test ogni tre anni per tutte le donne
dai 25 ai 64 anni (eta' in cui il rischio di ammalarsi di
questi tumori e  
 Mir  (Segue)
061309 MAR 08

NNNN
ZCZC
AGI2256 3 CRO 0 R01 / SAN

SALUTE: PARTE IN E.ROMAGNA VACCINAZIONE CONTRO VIRUS HPV (2)=
e' piu' elevato). (AGI)  
 Mir  (Segue)
061309 MAR 08

NNNN
ZCZC
AGI2257 3 CRO 0 R01 / SAN

SALUTE: PARTE IN E.ROMAGNA VACCINAZIONE CONTRO VIRUS HPV (3)=
(AGI) - Bologna, 6 mar. - La vaccinazione contro Hpv 16 e 18,
per la quale nel 2008 l'impegno di spesa e' di circa 4 milioni
di euro, e' parte della strategia complessiva del Servizio
sanitario regionale per la prevenzione dei tumori del collo
dell'utero. I risultati ottenuti e quelli attesi sono
importanti: nella fase pre-screening ogni anno in
Emilia-Romagna si registravano 300 nuovi casi di tumore del
collo dell'utero ogni anno e 90 decessi per questo tumore,
nella fase dello screening i nuovi casi/anno sono 160 e i
decessi 60, i miglioramenti attesi con la vaccinazione sono di
scendere a 65 nuovi casi/anno e 20 decessi/ anno.
    Per informare correttamente le ragazze e i genitori sul
programma di vaccinazione con approfondimenti sul virus, sulle
modalita' della vaccinazione, sui riferimenti utili per saperne
di piu', sono stati realizzati un depliant che arrivera' alle
ragazze interessate allegato alla lettera di invito, manifesti
da affiggere negli studi dei medici di famiglia, dei pediatri,
dei Consultori e, a partire dal mese di aprile, un opuscolo da
distribuire nelle sedi dei servizi. Questi materiali si
affiancano a quelli previsti dalla campagna di comunicazione
nazionale organizzata dal Ministero della salute. (AGI)  
 Mir
061309 MAR 08

NNNN