SANITA': LORENZIN, CON PATTO SALUTE CHECK UP SU PROGRAMMAZIONE REGIONALE

mercoledì 6 novembre 2013



ZCZC
ADN0299 3 CRO 0 ADN CRO NAZ

 

Roma, 6 nov (Adnkronos Salute) - Il Patto della Salute sara'
l'occasione per fare un check sulla programmazione sanitaria regionale
e su molte questioni rimaste aperte per quanto riguarda l'assistenza
del territorio ma anche sulle chiarezza delle competenze: "Serve
sapere chi fa cosa". A dirlo il ministro della Salute, Beatrice
Lorenzin, al congresso nazionale dei medici di famiglia della Fimmg,
in corso a Roma.

"Siamo di fronte - ha detto il ministro - a un momento di svolta
nella storia del Sistema sanitario nazionale e nella programmazione.
Le Regioni penso ne abbiamo molta consapevolezza, dopo tredici anni di
federalismo sanno che devono cambiare un po' il ruolino di marcia.
Quindi bisogna fare un check up al sistema della programmazione
regionale. Il contenitore in cui farlo e' il Patto della Salute che
diventera' il momento in cui si risolveranno molte questioni che sono
rimaste aperte sia per quanto riguarda il territorio".

Lorenzin ha assicurato ai medici di famiglia che nelle stesura
del Patto della Salute gli operatori, come ha esplicitamente chiesto
la Fimmg, "saranno ascoltati". Niente Patto, insomma, "senza averlo
condiviso e partecipato con gli operatori", assicura il ministro. Se,
infatti, "chi deve essere attore del cambiamento se lo trova calato
dall'alto, fra tre anni saremo di fronte all'ennesimo fallimento
italiano, tutto burocratico". Per quanto riguarda le competenze in
sanita' Lorenzin ha sottolineato che "la salute e' strategia
nazionale. Altre cose appartengono ai territori". Ognuno deve fare la
sua parte ma soprattutto, ha chiarito "bisogna garantire una linea di
decisione veloce. Non e' possibile che una legge venga discussa a
livello nazionale e poi giaccia per anni in Stato-Regioni".

(Ram/Ct/Adnkronos)
06-NOV-13 12:02

NNNN