+T -T


Lorenzin, a Nola quella notte 100 persone più della media

martedì 10 gennaio 2017


ZCZC8771/SXR
XSP44394_SXR_QBXO
R CRO S44 QBXO

Ma con Bed Management si sarebbero potuti liberare posti letto
   (ANSA) - ROMA, 10 GEN - "A Nola, quella notte avevano avuto
100 persone in più della media. Ma sapevamo già da settembre che
a dicembre avremmo avuto un picco di accessi a causa
dell'influenza e che durante le feste c'è sistematicamente una
situazione di crisi nei pronto soccorso in Italia". Così il
ministro della Salute Beatrice Lorenzin, nel corso della
trasmissione Porta a Porta che andrà in onda stasera su RaiUno,
è tornata sul caso di sovraffollamento verificatosi presso il
Pronto Soccorso di Nola e fotografato da alcuni cittadini.
   Parte del problema del sovraffollamento riguarda i posti
letto in reparto, che scarseggiano e costringono i pazienti che
attendono il ricovero a dover sostare in barella o a terra che
se ne liberi uno. Ma, precisa Lorenzin in merito, "il nuovo
piano regionale dà alla Asl di Nola oltre 400 posti letto in
più, per tutta la Campania sono più di 1500. In realtà oggi con
i nuovi standard quasi tutte le regioni hanno avuto un aumento
di posti letto". Il problema, aggiunge, non riguarda solo il
numero di letti ma come vengono organizzati. "Nel caso di Nola -
spiega Lorenzin - ci risulta dalle relazioni arrivate che se ci
fosse stato una figura incaricata di gestire i posti letto (Bed
Management), si sarebbero potuti liberare alcuni posti, come
quelli utilizzati per le dialisi". (ANSA).

     YQX
10-GEN-17 20:37 NNN