SANITA': GIMBE, LINEE GUIDA PRODOTTE IN ITALIA NON ADERENTI A STANDARD INTERNAZIONALI

venerdì 3 marzo 2017



ZCZC
ADN1069 7 CRO 0 ADN CRO NAZ

 

      Bologna, 3 mar. (AdnKronos Salute) - Le linee guida prodotte in Italia
da società scientifiche non rispettano gli standard del Guidelines
International network (Gin) sulle metodologie di produzione e sulla
governance dei conflitti di interesse. E' quanto emerge dallo studio
sulle 'Linee guida per la pratica clinica in Italia: qualità
metodologica e gestione dei conflitti di interesse', presentato nel
corso della XII Conferenza nazionale Gimbe a Bologna. La ricerca ha
valutato al momento solo le linee guida prodotte da società
scientifiche, riservando a una fase due l'analisi delle linee guida
prodotte da istituti nazionali e regionali, organizzazioni private.

      In sintesi 3 società scientifiche su 4 non producono linee guida. Il
3,5% delle società scientifiche non rende pubblico l'accesso alle
linee guida. Solo il 20,9% (75) delle linee guida identificate sono
state prodotte nel 2015-2016 (calcolando che i tempi di sopravvivenza
delle linee guida sono stimati in 2-3 anni). Ma di queste ultime solo
il 17% riportava la disclosure dei conflitti di interesse finanziari e
non finanziari. Risultando, quindi, in generale, non aderenti agli
standard Gin per quello che riguarda il requisito della dichiarazione
del conflitto di interesse all'interno del gruppo di lavoro e della
descrizione delle modalità di registrazione e di risoluzione dei
conflitti individuati. Per il resto sono "complessivamente di qualità
accettabile": il 29% sono multisocietarie; 56% sono state prodotte da
2 sole società scientifiche che dispongono di un manuale metodologico.
La ricerca è stata condotta sulla base delle pubblicazioni online
delle società scientifiche. (segue)

      (Fli/AdnKronos)

ISSN 2465 - 1222
03-MAR-17 18:00

NNNN


ZCZC
ADN1070 7 CRO 0 ADN CRO NAZ

      SANITA': GIMBE, LINEE GUIDA PRODOTTE IN ITALIA NON ADERENTI A STANDARD INTERNAZIONALI (2) =

      (AdnKronos Salute) - "Questo comporta un gap momentaneo tra la
proposta di legge sulla responsabilità professionale e l'attuazione
pratica della legge stessa - ha spiegato Antonio Simone Laganà, che ha
condotto la ricerca - Il ddl Gelli stabilisce che il professionista di
area medica non può essere accusato di malpractice relativamente
all'imperizia se ha seguito le linee guida, ma quelle prodotte dalle
società scientifiche nazionali non rispondono ai canoni metodologici
internazionali. Difficoltà che sarà superata con l'inquadramento nel
sistema nazionale delle linee guida e la validazione dall'Istituto
superiore di sanità previsti dalla nuova legge".

      "La gestione dei conflitti di interesse rimane la principale criticità
delle linee guida" osserva Nino Cartabellotta, presidente della
Fondazione Gimbe, sottolineando che le linee guide prodotte dalle
comunità scientifiche "oggi potenzialmente utilizzabili sono un numero
esiguo e relative a poche aree clinico-assistenziali". Per questo, ha
aggiunto, "è necessario un cambio di rotta attraverso una governance
nazionale del processo di produzione di linee guida da parte dell'Iss:
definire le priorità ed evitare duplicazioni; favorire la produzione
di linee guida multiprofessionali-multidisciplinari: standardizzare i
criteri di qualità metodologica; definire le modalità di gestione dei
conflitti di interesse". (segue)

      (Fli/AdnKronos)

ISSN 2465 - 1222
03-MAR-17 18:00

NNNN


ZCZC
ADN1071 7 CRO 0 ADN CRO NAZ

      SANITA': GIMBE, LINEE GUIDA PRODOTTE IN ITALIA NON ADERENTI A STANDARD INTERNAZIONALI (3) =

      (AdnKronos Salute) - Dallo studio emerge un quadro "fatto di
chiaroscuri - commenta il presidente dell'Istituto superiore di
sanità, Walter Ricciardi - Il parametro relativo al conflitto di
interessi è stato il più trascurato finora, ma sono sicuro che nel
momento in cui noi elaboreremo gli standard anche questo sarà un
criterio che verrà rispettato".

      Per Franco Vimercati, presidente della Federazione delle società
medico-scientifiche italiane, invece "è importante che la legge sulla
responsabilità professionale abbia già messo nero su bianco chi deve
fare e chi deve controllare. Ogni società ha la sua indipendenza ma
nei discorsi trasversali l'indipendenza non paga. Bisogna superare
l'individualità per fare un lavoro scientifico corretto".

      (Fli/AdnKronos)

ISSN 2465 - 1222
03-MAR-17 18:00

NNNN