+T -T


VACCINI. MODESTA MA PROGRESSIVA RIDUZIONE COPERTURA PER OBBLIGATORI

giovedì 19 aprile 2018


ZCZC
DIR0271 3 SAL  0 RR1 N/WEL / DIR /TXT 


OSSERVASALUTE: POLIOMIELITE (-1,46%), DIFTERITE (-1,20%), TETANO (-1,16%)

(DIRE) Roma, 19 apr. - I dati registrati in Italia nell'arco
temporale 2014-2016 evidenziano una modesta ma progressiva
riduzione della copertura vaccinale per le vaccinazioni
obbligatorie: poliomielite (-1,46%), difterite (-1,20%), tetano
(-1,16%) ed Hbv (-2,04%). Una analoga situazione di riduzione si
evidenzia anche per la vaccinazione anti-pertosse (-1,14%) e per
il ciclo di base dell'Hib (-1,33%), che rientrano tra le
vaccinazioni fortemente raccomandate. È quanto emerge dal 15esimo
Rapporto Osservasalute (2017), frutto del lavoro dei 197
ricercatori dell'Osservatorio nazionale sulla salute nelle
Regioni italiane, che ha sede a Roma presso l'Universita'
Cattolica. L'indagine e' stata presentata oggi nella Capitale,
nella Sala Multimediale del Policlinico universitario 'A.
Gemelli'.
   Per cio' che riguarda le altre vaccinazioni raccomandate,
invece, si registrano valori in aumento. Se nel 2013 per le
vaccinazioni obbligatorie si registrava a livello nazionale il
raggiungimento dell'obiettivo minimo stabilito nel vigente
Pnpv-Piano nazionale prevenzione vaccinale (95% di copertura
entro i 2 anni di eta'), diversamente nel periodo 2014-2016 i
tassi di copertura presentano valori <95%. Riguardo alla
distribuzione territoriale, nel 2016 si registrano invece per le
vaccinazioni obbligatorie valori regionali superiori
all'obiettivo minimo stabilito dal Pnpv in Lazio, Abruzzo,
Molise, Basilicata, Calabria e Sardegna. Le piu' basse coperture,
invece, si registrano nella Pa di Bolzano (valori <86%) e in
Friuli Venezia Giulia (valori <90%). (SEGUE)
  (Cds/ Dire)
11:20 19-04-18

NNNN


ZCZC
DIR0272 3 SAL  0 RR1 N/WEL / DIR /TXT 

VACCINI. MODESTA MA PROGRESSIVA RIDUZIONE COPERTURA PER OBBLIGATORI -2-


(DIRE) Roma, 19 apr. - Per quanto riguarda la copertura
antinfluenzale, secondo il rapporto Osservasalute, si attesta
nella stagione 2016-2017 al 15,1%, con lievi differenze
regionali, ma senza un vero e proprio gradiente geografico. Negli
anziani ultra 65enni, la copertura non raggiunge in nessuna
regione i valori considerati minimi (75%) e ottimali (95%) dal
Pnpv. Il valore maggiore si e' registrato in Umbria (63,1%),
seguita da Calabria (57,9%), Puglia (57,4%) e Campania (56,7%),
mentre le percentuali minori si sono registrate nella Pa di
Bolzano (37,3%) e in Sardegna (41,6%).
   Nell'intero arco temporale considerato (stagioni
2006-2007/2016-2017), per quanto riguarda la copertura vaccinale
degli ultra 65enni, si e' osservata una diminuzione a livello
nazionale del 14,6%. In questo periodo temporale e' da
evidenziare il crollo delle coperture nella stagione 2012-2013
(-8,5% rispetto all'anno precedente). Da un confronto tra le
ultime due stagioni (2015-2016/2016-2017), per la classe di eta'
presa in esame, il valore nazionale mostra un leggero aumento
(2,1%). Anche a livello regionale, quasi tutte le regioni hanno
riportato un aumento della copertura, soprattutto la Puglia con
un incremento del 6,6%, ad eccezione della PA di Bolzano e della
Lombardia, dove si sono registrate minime diminuzioni
(rispettivamente, -0,5% e -0,2%).
  (Cds/ Dire)
11:20 19-04-18

NNNN