+T -T


>>>ANSA/ Caos vaccini, Grillo va avanti ma circolare inefficace

giovedì 9 agosto 2018


ZCZC6615/SX4
XSP37036_SX4_QBXI
R POL S04 QBXI

Ministro, vale autocertificazione. Giudice, resta legge Lorenzin
(di Manuela Correra)
(ANSA) - ROMA, 9 AGO - E' scontro sulle vaccinazioni
obbligatorie per la frequenza a scuola. Il ministro della
Salute, Giulia Grillo, va avanti nella linea annunciata e
conferma che l'autocertificazione da parte dei genitori
dell'avvenuta vaccinazione dei figli sarà valida per la
frequenza del prossimo anno scolastico 2018-19. Ma presidi e
pediatri universitari contestano tale indicazione, contenuta
nella circolare Salute-Istruzione dello scorso luglio: la
circolare non ha efficacia, è la loro posizione, poichè
l'autocertificazione "non è utilizzabile in campo sanitario".
Da un lato, dunque, Grillo ribadisce che "lo strumento
dell'autocertificazione è stato usato per tutto il 2017 e lo
useremo anche per il 2018, perché Lorenzin non ha istituito
l'Anagrafe vaccinale nazionale e non volevamo caricare il
cittadino di un onere ulteriore costringendolo a fornire tutta
la documentazione", dall'altro l'Associazione nazionale presidi
e il Collegio dei professori universitari di pediatria
sottolineano che l'autocertificazione "non solo confligge con la
vigente normativa sulla certificazione delle vaccinazioni
obbligatorie, ma contrasta con il DPR 445/2000 che recita 'I
certificati medici, sanitari ... non possono essere sostituiti
da altro documento". Dunque, sostengono, l'autocertificazione
"non è utilizzabile in campo sanitario se non a seguito di
espressa previsione legislativa". Posizioni opposte a fronte
delle quali Grillo parla di "polemica surreale". Il ministro ha
inoltre annunciato che è stata depositata la proposta di legge
della maggioranza in cui "spingeremo per il metodo della
raccomandazione" alle famiglie e nella quale "prevederemo delle
misure flessibili di obbligo sui territori, e quindi anche nelle
regioni".
In sostanza il testo dovrebbe introdurre l'obbligo alle
vaccinazioni e le sanzioni solo in casi eccezionali.
Una pdl che ha raccolto le critiche del Pd, secondo cui
"l'obbligo flessibile è un ossimoro" mentre, ha annunciato il
segretario Maurizio Martina, già 10mila firme sono state
raccolte con la petizione del partito contro il rinvio
dell'obbligo vaccinale previsto dal decreto Milleprorpoghe, la
cui approvazione è però attesa non prima di settembre. Anche
Forza Italia contesta e chiede, con Francesco Giro, le
dimissioni del ministro Grillo, plaudendo al richiamo dei
presidi.
Linea morbida quella del responsabile del Miur Marco Bussetti:
"E' opportuno considerare le preoccupazioni dei dirigenti
scolastici, che costituiscono snodo fondamentale per il sistema
di istruzione e formazione. Certamente - ha spiegato - la
dirigenza scolastica non può essere gravata di incombenze in
materia sanitaria". "La questione vaccinale è tema di salute
pubblica. Il Miur, nell'ambito delle proprie competenze,
garantisce la massima collaborazione al Ministero della Salute
per l'attuazione delle politiche sanitarie previste"
In tema di vaccini, anche il vicepremier, Luigi Di Maio,
ribadisce la propria posizione: "Ascoltare i medici e convincere
i genitori a vaccinare i figli, mentre dire che i bambini non
devono andare neanche a scuola è sbagliato".
In attesa di un nuovo incontro tra i presidi ed il ministero
della Salute, previsto a fine agosto, restano comunque posizioni
ed interpretazioni divergenti. Per il giurista Amedeo
Santosuosso, tuttavia, non ci sono dubbi: i presidi "hanno
ragione" nell'affermare che all'inizio del nuovo anno scolastico
i bambini dovranno presentare la certificazione della Asl delle
avvenute vaccinazioni obbligatorie, e non l'autocertificazione,
perchè la legge Lorenzin sull'obbligo vaccinale per la frequenza
a scuola "attualmente in vigore, prevale rispetto alla circolare
Grillo-Bussetti". Il decreto Milleproroghe - che fa slittare al
2019-20 l'obbligo vaccinale, modificando dunque la legge
Lorenzin - non è infatti ancora stato approvato in via
definitiva, e dovrebbe esserlo solo a settembre, a scuola
iniziata. (ANSA).

CR
09-AGO-18 19:38 NNN