+T -T


DDL REGISTRO TUMORI, PIÙ COMPETENZE A RETE NAZIONALE E REFERTO EPIDEMIOLOGICO

martedì 23 ottobre 2018


PPA0158 1  PEC NG01 1281 ITA0158

GLI EMENDAMENTI APPROVATI IN COMMISSIONE IGIENE E SANITÀ
(Public Policy) - Roma, 23 ott - La Rete nazionale dei
registri dei tumori dovrà effettuare misure di controllo
epidemiologico, di studio dellincidenza, di studio della
morbosità e mortalità anche delle malattie infettive
tumore-correlate. Lo ha specificato un emendamento M5s, a
firma unica Maria Castellone, approvato in commissione Igiene
e sanità al ddl per l''istituzione di una Rete nazionale dei
registri dei tumori.
Un emendamento di Forza Italia approvato ha poi stabilito
che, per quanto riguarda le malattie sorvegliate, la Rete
dovrà studiare e monitorare non solo i fattori di rischio, ma
anche i fattori di protezione.
Un emendamento del presidente Pierpaolo Sileri (M5s) ha
chiarito che i tempi e modi di invio dei dati alla Rete
nazionale da parte delle Regioni dovrà essere stabilito da un
decreto ministeriale, con validazione entro e non oltre il 30
aprile di ogni anno. La versione originale del ddl prevedeva
un invio tassativo entro il 30 giugno di ogni anno. Lo stesso
regolamento - ha previsto un emendamento del relatore
Giuseppe Pisani - dovrà anche semplificare e razionalizzare
gli obblighi informativi previsti.
(Public Policy)
@PPolicy_News
NAF
231721 ott 2018
PPA0159 1  PEC NG01 1299 ITA0159
DDL REGISTRO TUMORI, PIÙ COMPETENZE A RETE NAZIONALE E



REFERTO EPIDEMIOLOGICO-2-
GLI EMENDAMENTI APPROVATI IN COMMISSIONE IGIENE E SANITÀ
(Public Policy) - Roma, 23 ott - Ancora da Forza Italia, con
un emendamento a prima firma Paola Binetti, è arrivata la
proposta approvata per fare in modo che la Rete nazionale
debba - tra le altre cose - anche "monitorare i trattamenti
con farmaci dichiarati come innovativi, al fine di fornire
nuove evidenze scientifiche sul loro grado di efficacia".
Un emendamento M5s interviene poi sull''articolo 2, che
consente al ministero della Salute di stipulare, per
raggiungere gli obiettivi previsti dal ddl, convenzioni con
gli enti del terzo settore. La proposta M5s specifica che gli
enti coinvolti dovranno dotarsi di un comitato scientifico,
composto da: esperti in epidemiologia dei tumori e in
oncologia, almeno un rappresentante di un Registro tumori di
popolazione, incaricato di garantire che le informazioni
veicolate si ispirino al rigore della metodologia scientifica
ed epidemiologica. Ancora dal presidente di commissione è
arrivata la modifica che ha specificato che il referto
epidemiologico che dovrà essere istituito dal ministero,
dovrà servire anche "per il controllo sanitario della
popolazione delle aree più critiche del territorio
nazionale".
(Public Policy)
@PPolicy_News
NAF
231721 ott 2018

PPA0160 1  PEC NG01 870 ITA0160
DDL REGISTRO TUMORI, PIÙ COMPETENZE A RETE NAZIONALE E



REFERTO EPIDEMIOLOGICO-3-
GLI EMENDAMENTI APPROVATI IN COMMISSIONE IGIENE E SANITÀ
(Public Policy) - Roma, 23 ott - Infine la commissione Igiene
e sanità ha approvato l''emendamento M5s che ha aggiunto
l''articolo 7-bis al ddl, per prevedere che entro 180 giorni
dall''entrata in vigore della legge, le Regioni e le Provincie
autonome debbano provvedere affinché le proprie normative in
tema di sorveglianza sanitaria della malattia oncologica
vengano aggiornate con quanto previsto dal ddl, "affinché -
si legge - la sorveglianza epidemiologica sulla malattia
oncologica dei territori di loro pertinenza, non coperti al
momento dell''entrata in vigore della presente legge, venga
espletata dai Registri tumori di popolazione esistenti ovvero
da Registri tumori di popolazione di nuova istituzione".
(Public Policy)
@PPolicy_News
NAF
231721 ott 2018