SANITA'. REGIONI A GOVERNO: STOP A INCOMPATIBILTA' COMMISSARIO

giovedì 13 dicembre 2018


ZCZC
DIR0711 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT 

(DIRE) Roma, 13 dic. - "Il governo ha presentato un emendamento
al decreto fiscale nel quale ha inserito la incompatibilita' tra
la figura del presidente della Regione e la figura del
commissario ad acta per la sanita', in quelle regioni dove si e'
in piano di rientro da disavanzo sanitario. Sulla base di un
documento presentato dalla Regione Campania, condiviso
dall'unanimita' da tutte le regioni, si e' convenuto di
rappresentare al governo la non opportunita' di approvare questa
norma e di rinviare il tutto al Patto per la Salute che sara'
sottoscritto entro il 31 marzo 2019". Lo riferisce il presidente
della regione Molise, Donato Toma, a margine dei lavori della
conferenza delle regioni.
   "Piu' in generale le Regioni hanno posto il problema che non
si paventasse l'incompatibilita' tra queste due figure,  laddove
il trend di rientro del disavanzo sanitario fosse in netto
miglioramento e anche positivo, allo stesso modo per quelle
amministrazioni che avessero un bilancio sanitario in attivo da
almeno 5 anni. Invece questo tema- osserva il governatore- e'
stato oggetto di una delibera del Consiglio dei Ministri con la
quale ha nominato un commissario ad acta diverso dal presidente
della Regione. Per questo motivo io, in qualita' di presidente
della Regione, sto valutando l'ipotesi di fare ricorso in sede
Costituzionale", conclude Toma.
  (Tar/ Dire)
13:29 13-12-18

NNNN