+T -T


Sanità: a Tar Molise ricorso Regione contro Commissario

mercoledì 6 marzo 2019

 

A esame giudici anche ricorsi Comitati tutela salute

(ANSA) - CAMPOBASSO, 6 MAR - La delibera del Consiglio dei

Ministri adottata il 7 dicembre 2018 con la quale vengono

nominati Angelo Giustini, commissario ad acta per la sanità e

Ida Grossi sub commissario, "è gravemente lesiva degli interessi

e delle attribuzioni costituzionali della Regione Molise".

Ô uno dei passaggi del ricorso al Tar Molise presentato dal

presidente della Regione, Donato Toma che si è discusso oggi a

Campobasso. Nel documento viene spiegato che a maggio 2018 il

governatore aveva chiesto "con cortese urgenza" alla presidenza

del Consiglio dei ministri di provvedere alla propria nomina per

la prosecuzione del Piano di rientro dal disavanzo sanitario.

"Stante la perdurante inerzia - si legge nel ricorso - con

successiva nota del 13 settembre 2018 la richiesta veniva

rinnovata". Alla nota erano state allegate anche la mozione

approvata dal Consiglio regionale del Molise sulla specifica

questione e la relazione a firma congiunta del direttore

generale della Salute della Regione e di quello dell'Azienda

sanitaria regionale (Asrem) concernente le "criticità relative

alla mancata nomina del commissario".

Il governatore, non avendo ricevuto alcun riscontro, il 12

novembre 2018 aveva formalmente diffidato la presidenza del

Consiglio dei Ministri a "nominarlo senza indugio commissario ad

acta". Inoltre, è spiegato nel ricorso, "la disciplina di legge

statale vigente al momento dell'adozione della delibera

impugnata, non solo non escludeva il conferimento dell'incarico

commissariale a una persona già titolare di incarico

istituzionale presso la Regione, ma addirittura imponeva la

nomina del Presidente pro tempore, escludendola solo

nell'ipotesi del suo impedimento". Per tale ragione, "cessato

per naturale decorso dei termini il mandato del precedente

Presidente della Regione, il Consiglio dei Ministri avrebbe

dovuto prendere atto dell'avvicendamento nella carica e nominare

il Presidente pro tempore al momento in carica". Sull'argomento,

inoltre, è stato promosso davanti alla Corte Costituzionale il

giudizio per conflitto di attribuzione tra Stato e Regione

Molise.

(ANSA).

YM9-PRO

06-MAR-19 16:13 NNN