Cura del dolore, 4 pazienti su 10 non ne parla con il medico Indagine Fondazione Ghirotti, migliora la conoscenza della legge

giovedì 14 marzo 2019



ZCZC0284/SXB
XSP95749_SXB_QBXB
R CRO S0B QBXB

   (ANSA) - ROMA, 14 MAR - Migliora la conoscenza della terapia
del dolore e quasi un paziente su due sa cosa sia. Ma ancora
quasi 4 persone su 10 non affrontano il problema del dolore con
il medico di famiglia e tra chi accede a queste cure cala la
soddisfazione. A nove anni dall'emanazione della legge 38, a
scattare la fotografia sulla percezione che i pazienti hanno
sulle cure palliative è un'indagine condotta dalla Fondazione
Nazionale Gigi Ghirotti e presentata oggi a Roma.
   Condotto negli ospedali, case di cura e negli hospice, il
monitoraggio ha raccolto i pareri di ben 11.896 pazienti, con
età media di 66 anni e il 60% dei quali affetto da dolore. Legge
38, che tutela e garantisce l'accesso alle cure palliative e
alla terapia del dolore, è conosciuta, almeno superficiale, dal
45% dei pazienti a fronte del 37% del 2016. Mentre peggiora la
conoscenza sugli oppiacei: sa che si tratta di farmaci derivati
da morfina e utilizzati per il dolore acuto il 43% degli
intervistati (erano il 45% nel 2016).
   Il problema è spesso nell'accesso, ovvero sapere come
usufruire di queste terapie. Tra coloro che presentano patologie
associate a dolore, il 35% non ne ha parlato con il medico di
famiglia, e solo il 26% ha avuto prescritta una visita
specialistica. Chi accede alla terapia del dolore, in 8 casi su
10 è soddisfatto. Cala invece la soddisfazione di chi usufruisce
di cure palliative: oltre il 60% di chi le ha ricevute le valuta
positivamente, con un calo di circa il 10% rispetto al 2016. Ma
in alcune regioni i tempi di attesa per entrare in un hospice
sono ancora troppo lunghi, un tempo infinito per chi è in fin di
vita e prova sofferenze lancinanti. "Bisogna evitare la
sofferenza inutile e promuovere la dignità della persona, sia
attraverso la ricerca di nuovi farmaci sia attraverso una cura
alla persona fatta di attenzione e vicinanza al malato", ha
commentato il presidente Fondazione Ghirotti Vincenzo Morgante.
(ANSA).

     YQX-BG
14-MAR-19 13:31 NNN