**CORONAVIRUS: D'INCA', 'IN ARRIVO TAVOLO TECNICO CON RAPPRESENTANTI REGIONI'**

mercoledì 25 novembre 2020



ZCZC
ADN1395 7 POL 0 ADN POL NAZ



Roma, 25 nov. (Adnkronos Salute) - "Pur nella pluralità delle
possibili strategie prospettate nel dibattito tecnico scientifico per
affrontare nel modo migliore l'epidemia" di Covid-19 "in vista della
ripresa autunnale, il Governo" nei mesi scorsi "ha elaborato un
percorso ampiamente meditato e documentato in linea con gli studi
scientifici più accreditati a livello nazionale e internazionale. In
ogni caso, nell'ottica della migliore collaborazione istituzionale, è
in fase di attivazione un tavolo tecnico di confronto con le
rappresentanze delle Regioni". Lo ha sottolineato Federico D'Incà,
ministro per i Rapporti con il Parlamento e le riforme, rispondendo
oggi al Question Time alla Camera al posto del ministro della Salute
Roberto Speranza a un'interrogazione di Forza Italia.

"Per fronteggiare lo stato di emergenza sanitaria da Covid-19 -
ricorda D'Incà - la Protezione Civile ha acquisito nel mese di
febbraio 2020, uno studio sugli scenari di diffusione del Covid-19
sull'impatto sui servizi sanitari. Inoltre, tenuto conto della mutata
situazione epidemiologica e in prospettiva dei nuovi potenziali
scenari per l'autunno-inverno 2020, in data 11 agosto è stata emanata
la circolare 'Elementi di preparazione e risposta a Covid-19 nella
stagione autunnale-invernale'". Un documento che "fornisce indicazioni
per potenziare le risposte alle esigenze e fronteggiare in modo
ottimale" l'aumento di nuove infezioni nella stagione autunno-inverno
2020-2021 in base a possibili scenari futuri.(segue)

(Mal/Adnkronos Salute)

ISSN 2465 - 1222
25-NOV-20 15:57

NNNN

ZCZC
ADN1397 7 POL 0 ADN POL NAZ

CORONAVIRUS: D'INCA', 'IN ARRIVO TAVOLO TECNICO CON RAPPRESENTANTI REGIONI' (2) =
'In documento indicazioni per rafforzare capacità risposta
all’emergenza per stagione autunno-inverno 2020-2021'

(Adnkronos Salute) - Il documento è stato aggiornato e trasmesso il 12
ottobre. Nel testo "sono state definite le coordinate per rafforzare
la capacità di risposta all'emergenza in vista della stagione
autunno-inverno 2020-2021, sulla base di quattro possibili scenari
epidemici: il primo scenario è caratterizzato da una situazione di
trasmissione del virus localizzata, sostanzialmente invariata rispetto
al periodo luglio-agosto; il secondo scenario è caratterizzato da una
situazione di trasmissibilità sostenuta e diffusa, ma gestibile dal
sistema sanitario, nel breve-medio periodo temporale; il terzo
scenario è caratterizzato da una situazione di trasmissibilità
sostenuta e diffusa, con rischi di tenuta del sistema sanitario nel
medio periodo; mentre nel quarto scenario viene ipotizzata la
trasmissibilità dei casi fuori controllo, con un numero di infezioni
elevato e chiari segnali di sovraccarico dei servizi sanitari
assistenziali nel breve periodo, senza la possibilità di tracciare
l'origine dei nuovi casi".

Nel documento "sono state definite le azioni da avviare, 'scalabili'
in relazione alla situazione epidemiologica delle singole Regioni:
tutte le misure declinate, in questi scenari, hanno la funzione di
supportare e orientare il processo decisionale delle singole Regioni e
Province autonome in relazione alla propria situazione
epidemiologica", ricorda il ministro. In particolare, "per la
classificazione quantitativa del rischio e della resilienza dei
sistemi assistenziali e territoriali a livello regionale, è stato
implementato un sistema di monitoraggio settimanale realizzato
dall'Istituto superiore di sanità e coordinato dal ministero della
salute: il sistema prevede meccanismi di consultazione regolare con
referenti tecnici dei sistemi sanitari regionali e con un Comitato di
coordinamento nazionale (Cabina di regia). La qualità e la completezza
delle informazioni trasmesse dalle Regioni sono oggetto di costante
monitoraggio e verifica", ha concluso.

(Mal/Adnkronos Salute)

ISSN 2465 - 1222
25-NOV-20 15:57

NNNN