LAVORO. POLETTI: SERVE UN'AGENZIA NAZIONALE

lunedì 30 giugno 2014



ZCZC
DIR0252 3 POL 0 RR1 / DIR


SEMPLIFICATI CONTRATTI A TERMINE E APPRENDISTATO

(DIRE) Rimini, 30 giu. - "Passiamo da un sistema di politiche
passive a un meccanismo che, oltre a garantire gli ammortizzatori
sociali, produca politiche attive per chi perde il lavoro". A
Rimini per partecipare a un convegno organizzato dall'Ordine dei
commercialisti al grand hotel, il ministro del Lavoro, Giuliano
Poletti, sottolinea il "grande sforzo di semplificazione" che il
governo Renzi sta mettendo in campo per "costruire coerenze nel
tempo", dando cosi' garanzie a chi investe e stabilizzazione al
sistema economico e produttivo.
Il metodo scelto dall'esecutivo, spiega nel suo intervento, e'
quella di analizzare le situazioni e fare delle proposte.
"Il nostro governo e' pronto a confrontarsi, ma poi ha la
responsabilita' di decidere e di fare delle scelte". I contratti
a termine e l'apprendistato, aggiunge, sono stati "semplificati e
dopo il monitoraggio vedremo se ha funzionato". Ma il problema e'
che "veniamo da una cultura che ha scelto di abrogare la
responsabilita' individuale sostituendola con le circolari".
Invece la logica del governo e' quella di "fare norme semplici".
Per questo si punta a creare un'Agenzia nazionale del lavoro ma
anche a una maggiore collaborazione tra Stato e Regioni, anche
per creare una banca dati che permetta a chi riceve
ammortizzatori sociali di potere contare anche su politiche
attive per l'occupazione. "Senza infrstrutture, senza strumenti-
conclude- non si puo' fare alcuna politica".
(Som/ Dire)
14:39 30-06-14

NNNN


NNNN