Reddito: De Luca, Anpal assuma suoi precari e poi navigator

martedì 23 luglio 2019


ZCZC
AGI0723 3 POL 0 R01 /


(AGI) - Napoli, 23 lug. - La Regione Campania e' contraria "a creare
nuove aree di precariato". Il governatore, Vincenzo De Luca, affida a
una nota la sua replica alle contestazioni anche di esponenti di
Governo come Luigi Di Maio al diniego di siglare la convenzione con
Anpal che permetterebbe a 471 navigator di lavorare nei Centri
dell'impiego in Campania. "Per anni si e' contestato agli
amministratori del Sud la propensione alla clientela. Oggi la
Campania dimostra che si volta pagina. Questo e' l'altro Sud che
nasce", premette De Luca, elencando gli sforzi della Regione in
materia di occupazione. "La Campania ha varato un corso-concorso
assolutamente corretto, gestito dal Formez, per dare un lavoro
stabile a 3.000 giovani dopo un anno di formazione - ricorda - e la
Regione intende rafforzare i Centri per l'Impiego, che stanno facendo
un lavoro straordinario. Anche in questo caso, con procedure
concorsuali assolutamente trasparenti". Quanto ai navigator, "la
Regione e' del tutto contraria a creare nuove aree di precariato
(abbiamo ancora 3.700 L.S.U. precari, per i quali scadono i
finanziamenti nazionali il 31 ottobre, sempre che il Governo dia
certezze). Il Governo nazionale ha approvato il Decreto Dignita' per
eliminare il lavoro precario, e poi propone contratti Co.Co.Pro che
sono l'emblema della precarizzazione del lavoro. Fra l'altro dal
primo luglio, la pubblica amministrazione non puo' sottoscrivere
contratti
Co.Co.Pro".(AGI)Lil (Segue)
231850 LUG 19

NNNN



ZCZC
AGI0724 3 POL 0 R01 /

 (2) =
(AGI) - Napoli, 23 lug. - De Luca torna a proporre che i 471
selezionati "siano assunti a tempo indeterminato dall'Anpal, che ha
gestito la selezione in piena autonomia e ha il dovere di
stabilizzare i precari che gia' lavorano in Anpal, e di stabilizzare
dopo un periodo formativo, anche i navigator. Dica il Governo se
intende procedere alla stabilizzazione". Poi chiede che "si cancelli
il vergognoso art.3 dell'accordo quadro nazionale, che legittima,
incredibilmente, il doppio lavoro" e "si consenta a quanti
partecipano al corso-concorso della Regione, di poter accedere anche
a un lavoro stabile nei Centri per l'Impiego".
"Su questa base, la Regione Campania e' pronta a un incontro
presso il ministero del Lavoro per definire tutto, e sottoscrivere
tutti gli accordi possibili", conclude.
(AGI)Lil
231850 LUG 19

NNNN