Pensioni, Inps: 23 mln di prestazioni per 16,1 mln di pensionati

giovedì 26 ottobre 2017



ZCZC
PN_20171026_00728
4 eco gn00 atlk in02 XFLA XFLT

Pensioni, Inps: 23 mln di prestazioni per 16,1 mln di pensionati
In calo nel 2016

Roma, 26 ott. (askanews) - Le prestazioni del sistema
pensionistico italiano vigenti nel 2016 sono poco meno di 23
milioni, per un ammontare complessivo annuo di 282.415 milioni di
euro, che corrisponde a un importo medio per prestazione di
12.297 euro. Rispetto al 2015, il numero di prestazioni è
diminuito dello 0,6% e il corrispondente importo complessivo
annuo è aumentato dello 0,8%. E' quanto emerge dagli ultimi dati
diffusi dall'Inps.I beneficiari di prestazioni pensionistiche sono
invece 16,1
milioni (-0,7% rispetto al 2015); ognuno di loro percepisce in
media 1,4 pensioni, anche di diverso tipo, secondo quanto
previsto dalla normativa previdenziale vigente. Sebbene le donne
rappresentino la quota maggioritaria sul totale dei pensionati
(il 52,7%), gli uomini percepiscono il 55,7% dei redditi
pensionistici: l'importo medio dei trattamenti percepiti dalle
donne è infatti inferiore rispetto a quello degli uomini del 29%
(14.780 contro 20.697 euro).Circa due terzi (66,4%) dei beneficiari
di prestazioni
pensionistiche percepisce solo una prestazione, un terzo (il
33,6%) ne percepisce due o più. In particolare il 25,7% dei
beneficiari percepisce due prestazioni, il 6,6% tre e l'1,3%
quattro o più.All'interno del gruppo dei titolari di più di una pensione
la
presenza femminile è prevalente e aumenta al crescere del numero
dei trattamenti pro capite: le pensionate rappresentano infatti
il 58,5% dei titolari di due pensioni, il 69,7% dei percettori di
tre pensioni e il 72,8% dei titolari di quattro o più trattamenti.

Mlp

@#20171026_122131_A6EA93F8.jpg
Copyright askanews(c) 2015

26-ott-17 12:21
"

NNNN


Pensioni, Inps: 23 mln prestazioni per 16,1 mln di pensionati -2-
ZCZC
PN_20171026_00762
4 eco gn00 atlk XFLA

Pensioni, Inps: 23 mln prestazioni per 16,1 mln di pensionati -2-


Roma, 26 ott. (askanews) - Le pensioni di tipo Ivs sono il 78%
del totale delle pensioni, di cui il 51% relativo alle pensioni
di vecchiaia, il 6% a quelle di invalidità e il 21% a quelle ai
superstiti; le pensioni di tipo indennitario si attestano intorno
al 3%, mentre quelle di tipo assistenziale sono pari al 19% del
totale.Gli importi complessivi hanno una distribuzione più spiccatamente
sbilanciata verso le pensioni di tipo Ivs, che coprono il 90%
degli importi totali; in particolare gli importi erogati per
pensioni di vecchiaia sono il 71% del totale, quelli per pensioni
di invalidità il 5% e quelli per pensioni ai superstiti il 15%.
Il restante 10% è distribuito per il 2% sulle pensioni di tipo
indennitario e per l'8% su quelle di tipo assistenziale.Dall'analisi
della distribuzione territoriale di pensioni e
pensionati si osserva che nelle regioni settentrionali si ha un
maggior numero sia di pensioni sia di pensionati (rispettivamente
il 47,6% e il 48,1% del totale). Gli importi medi delle pensioni
sono più elevati al Nord rispetto al resto dell'Italia (+6,5
punti percentuali rispetto al totale nazionale).Osservando i redditi
pensionistici pro-capite, si nota che in
questo caso è il Centro la zona geografica con redditi mediamente
più alti (+6,5 punti percentuali rispetto al totale nazionale),
seguito dal Nord (+5,4 punti percentuali).
I beneficiari residenti nel Mezzogiorno presentano invece sia gli
importi delle pensioni, sia dei redditi pensionistici più bassi
rispetto al totale nazionale.La spesa pensionistica italiana relativa
all'anno 2016,si
distribuisce per il 50,7% nelle regioni settentrionali, per il
28% in quelle meridionali e nelle isole; il restante 21,3% è
erogato a beneficiari residenti nelle regioni del Centro.

Mlp

26-ott-17 12:36
"

NNNN