BOERI A REGIONI: CON CONTROLLI INDENNITÀ A INPS MENO COSTI E TEMPI RAPIDI

giovedì 15 febbraio 2018



ZCZC
DIR0287 3 POL 0 RR1 N/POL / DIR /TXT



(DIRE) Roma, 15 feb. - "Abbiamo fatto una sperimentazione in
sette regioni per un accentramento degli accertamenti
socio-sanitari per la concessione delle indennita' civile e di
accompagnamento, abbiamo fatto un bilancio di questa esperienza e
riteniamo che i risultati siano importanti e significativi
perche' abbiamo ridotto notevolmente i tempi di attesa per le
famiglie, quindi ci sono dei vantaggi in termini di efficienza".
Cosi' il presidente dell'Inps, Tito Boeri, riferisce
dell'incontro con la conferenza delle regioni. Boeri rivendica il
lavoro fatto con le regioni che hanno affidato all'Istituto la
gestione degli accertamenti (Basilicata, Calabria, da poco il
Lazio e tra le altre alcune province della Campania e del Friuli)
e propone di estendere questo modello anche alle altre.
"Oltre a ridurre i tempi- spiega Boeri- c'e' una riduzione dei
costi rispetto a quelli che attualmente sopportano le Regioni:
abbiamo spiegato queste cose, poi le singole regioni decideranno
se aderire o meno all'accentramento. Noi siamo disponibili a fare
questo in tutte le regioni e chiaramente abbiamo bisogno che le
regioni ci riconoscano un rimborso per gli oneri che sosteniamo,
ma e' sicuramente un costo inferiore a quello che attualmente
stanno sostenendo. Mi sembra che diverse regioni si siano
dimostrate interessate".
Il presidente porta l'esempio di "patologie ben certificate:
e' possibile con l'accentramento avere un unico controllo per le
famiglie. E' il caso delle patologie pediatriche, quando
prevediamo il fatto che sia direttamente la struttura ospedaliera
a inviare all'INPS gli esami per cui a quel punto ci basiamo
unicamente su quello che ci dice la struttura. In questo modo la
famiglia deve limitarsi a fare un'unica visita e avviare
immediatamente le procedure. Questo e' importante soprattutto per
le patologie pediatriche perche' a volte le famiglie evitano di
avviare la procedura, temendo di dover sottoporre Il bambino a
troppe visite".
(Tar/ Dire)
11:55 15-02-18

NNNN