TPL. SERRACCHIANI: INVESTIMENTI SIANO FUORI PATTO STABILITA'

martedì 14 gennaio 2014


ZCZC DIR0513 3 POL  0 RR1 / DIR 

 

(DIRE) Roma, 14 gen. - "Le Regioni a Statuto speciale hanno chiesto di escludere dal patto di stabilita' anche le risorse per gli investimenti destinate al Tpl, oltre a quelle per il funzionamento". Lo ha comunicato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, che oggi a Roma ha partecipato, assieme all'assessore regionale alla Mobilita' Mariagrazia Santoro, a un incontro al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con il sottosegretario Erasmo D'Angelis, i rappresentanti della commissione Trasporti della Conferenza delle Regioni e i rappresentanti nazionali delle aziende di trasporto.    La richiesta delle Regioni a Statuto speciale e Province autonome e' stata avanzata nel corso dell'istruttoria compiuta dalla Cabina di regia coordinata dal sottosegretario D'Angelis, in vista della stesura di un disegno di legge o di un decreto legislativo sul servizio pubblico locale e sui servizi ferroviari regionali, che potrebbe essere approvato entro il prossimo 31 gennaio come collegato alla legge di Stabilita'.    Per Serracchiani "e' significativo che il ministero delle Infrastrutture e Trasporti abbia accolto la nostra richiesta, che ora e' necessario sia fatta propria anche dal dicastero dell'Economia e delle Finanze. Il Governo dovrebbe tener conto del fatto che il Friuli Venezia Giulia non attinge al Fondo nazionale per il Tpl".    "L'esclusione dai vincoli derivanti dal patto di stabilita' interno delle risorse destinate al Tpl- ha osservato Santoro- permetterebbe al Friuli Venezia Giulia di liberare importanti risorse".   (Com/Vid/ Dire) 17:55 14-01-14

NNNN

NNNN