MOSE, ZAIA: SUPER-COMMISSARIO DOVRÀ FARE DUE DILIGENCE SU STATO DELL'ARTE

mercoledì 27 novembre 2019



PPA0025 1  PEC NG01 932 ITA0025

 

(Public Policy) - Roma, 27 nov -  In seguito alle inchieste sul Mose
degli anni scorsi "è stato deciso di commissariare il Consorzio
Venezia Nuova, cioè le imprese che devono realizzare l'opera. I
commissari sono uno nominato dal prefetto di Roma, perchè il
Consorzio ha sede a Roma, uno nominato dal Governo e uno nominato
dall'Anac. I tre commissari dovevano e devono occuparsi della
gestione del Consorzio. Ho letto che il Consorzio avrebbe fatto causa
ai commissari, perchè questi tutelerebbero gli interessi dello Stato
e non quelli del Consorzio. Siamo a questi livelli. Non discuto sulla
legittimità di questi ricorsi, però le opere devono andare avanti". 

Lo ha detto il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, in
audizione in Senato davanti alla commissione Lavori pubblici sullo
stato di avanzamento delle opere e delle attività relative alla
realizzazione del Mose.


(Public Policy) @PPolicy_News

 PAM
271048 nov 2019


PPA0026 1  PEC NG01 462 ITA0026
 -2-

 

(Public Policy) - Roma, 27 nov -  "Il Governo, d'intesa con la
Regione, ha nominato qualche giorno fa il super-commissario,
Elisabetta Spitz, la quale - ha aggiunto Zaia - non c'entra nulla con
il Consorzio Venezia Nuova, ma è il super-commissario del Governo che
si occuperà di far sintesi, nel senso che le imprese devono
realizzare l'opera. Spitz dovrà anche fare una due diligence seria
per capire anche qual è lo stato dell'arte".


(Public Policy) @PPolicy_News

 PAM
271048 nov 2019