Unioncamere: nel 2014 il 41,4% di italiani ha letto un libro

lunedì 4 maggio 2015




ZCZC
TM News
PN_20150504_00807
4 eco gn00 rg00 XFLA

Unioncamere: nel 2014 il 41,4% di italiani ha letto un libro
Un piemontese su 2 non legge, Trentino Regione più virtuosa

Torino, 4 mag. (askanews) - Un piemontese su due non legge,
mentre il Trentino Alto Adige e il Friuli Venezia Giulia sono le
regioni italiane in cui si legge di più. In fondo alla classifica
dei lettori italiani la Sicilia. È' uno dei dati che emerge dalla
seconda edizione di "Nero su Bianco. Focus su editoria e lettori
in Piemonte", indagine di Unioncamere e Regione Piemonte, in
collaborazione con il Salone Internazionale del Libro, sulla base
dei dati del registro delle imprese delle Camere di Commercio e
dei dati Istat.Insomma gli Italiani da Nord a Sud si confermano un
popolo
scarsamente avvezzo alla lettura: nel 2014 il 41,4 per cento
della popolazione dai 6 anni in su ha dichiarato di aver letto
almeno un libro, quota in diminuzione rispetto al 43 per cento
registrato nel 2013. In controtendenza il Piemonte, la quota di
lettori e' infatti passata dal 47,6 per cento al 49,2. Quanto al
mercato digitale, nel 2014 un piemontese su 10 ha letto o
scaricato un e-book, mentre il 6 per cento ha acquistato libri
cartacei o digitali su internet."Sono dati drammatici. Noi stiamo
facendo il possibile per
cambiare questa tendenza. Si crei una rete sul territorio
nazionale tra le città del libro" ha sollecitato Rolando
Picchioni, presidente della Fondazione del Libro a cui fa capo il
Salone torinese. Eppure il Salone del Libro di Torino di anno in
anno macina nuovi record di biglietti staccati,
"perché' - ha ipotizzato Picchioni - al Salone si va per trovare
la pepita nascosta, non i titoli dei grandi editori. Questo è il
vero valore del Salone, che da' visibilità ai piccoli editori,
come ai grandi".(Segue)

Prs

04-mag-15 15.45
NNNN
Unioncamere: nel 2014 il 41,4% di italiani ha letto un libro -2-
ZCZC
TM News
PN_20150504_00808
4 eco gn00 rg00 XFLA

Unioncamere: nel 2014 il 41,4% di italiani ha letto un libro -2-


Torino, 4 mag. (askanews) - Ferruccio Dardanello, presidente
Unioncamere, ha rilevato "una dinamicità del settore editoriale
piemontese". In Piemonte sono oltre 2.300 le imprese editoriali.
Il settore ha registrato "un export nel 2014 di circa 122 milioni
di euro" ha sottolineato Dardanello. Il comparto, che comprende
l'edizione di libri, periodici e prodotti editoriali, può vantare
quindi un saldo con l'estero positivo, pari a 95 milioni."Questi dati
fotografano un Piemonte nella media italiana, con un
trend in crescita. Non dobbiamo però dimenticare che un
piemontese su due non legge" ha osservato l'assessore regionale
alla Cultura, Antonella Parigi.Parla esplicitamente di declino Walter
Martiny, dell'Aie
Piemonte: "Il settore editoriale piemontese e' in declino. Nel
bosco degli editori italiani i sette principali gruppi editoriali
italiani hanno il 67 per cento del mercato e di questo solo il 2
per cento e' rappresentato da un editore piemontese" che è' la De
Agostini di Novara. "Gli editori piemontesi rappresentano circa
l'8 per cento degli editori italiani, dal 2010 al 2013 la
produzione e' scesa dall'8 al 6 per cento e il numero degli
editori si è assottigliato progressivamente" ha concluso Martiny.

Prs

04-mag-15 15.45
NNNN