TTG Incontri: Centinaio, tassa soggiorno diventi di scopo

mercoledì 10 ottobre 2018



ZCZC5122/SXB
XIC41425_SXB_QBXB
R CRO S0B QBXB


   (ANSA) - RIMINI, 10 OTT - "Non ci sono novità nel Def sulla
tassa di soggiorno ma ci stiamo lavorando a medio termine per
proporre una cosa completamente  diversa. Una tassa di soggiorno
che sia una tassa di scopo e che non serva a coprire i buchi di
bilancio dei singoli sindaci. Forse non sarà il caso di tutti ma
sappiamo in alcune zone d'Italia viene usata per tutt'altro
tranne che per il turismo". Lo dice il ministro Gian Marco
Centinaio al TTG Travel Experience.
   "Non posso pensare - dice ancora - che i turisti servano a
coprire i debiti di alcuni sindaci. Questo non può esistere, poi
ci sono sindaci che la usano benissimo, magari non è il caso
dell'Emilia Romagna e di altre regioni ma io non sono il sindaco
dell'Emilia Romagna, devo guardare l'Italia a 360 gradi. Il mio
obiettivo è quello di una tassa di scopo che sia equa, che non
sia diversa a Pavia, Roma, Rimini e Catanzaro. La valutiamo
assieme ad Anci, ai Comuni, alle associazioni di categoria".
   Il ministro vuole poi sottolineare che non deve essere
percepita come un un ulteriore gabella: "A sindaci bisogna
chiedere dei servizi nel momento in cui chiedono una tassa. Può
essere uno sconto al museo, sugli autobus, qualsiasi cosa come
viene fatto negli stati europei. Troppo semplice incassare e poi
non fare niente".

     CNZ
10-OTT-18 14:35 NNN