Spacca, Macroregione A.I. si passa alla creazione dei progetti

mercoledì 10 dicembre 2014



ZCZC
ASC0196 1 CRO 0 R01 / LK XX ! 1 X XFLA


A Rimini conferenza su Regione Adriatico Ionica, ponte in UE

(askanews) - Rimini, 10 dic 2014 - "La strategia macroregionale ha
compiuto, con l'approvazione definitiva, un salto di paradigma:
dalla fase della narrazione a quella dei fatti. Ora siamo in
pieno processo di implementazione della Macroregione Adriatico
Ionica, nel momento della creazione dei progetti. Dobbiamo
procedere con grande concretezza perché gia' nel 2016 l'Europa
valutera' l'avanzamento dell'Eusair proprio sulla base della
progettazione". Lo ha detto il presidente della Regione Marche,
Gian Mario Spacca, oggi a Rimini alla Conferenza "Strategia Ue
per la Regione adriatico ionica: un ponte per l'Europa",
organizzata nell'ambito del semestre di Presidenza italiana della
Ue, alla presenza anche del sottosegretario agli Affari europei,
Sandro Gozi.

"Occorrono una prospettiva ambiziosa e uno sforzo di
condensazione - ha aggiunto Spacca - perché vanno portate a
sintesi tante istituzioni e prospettive differenti. Siamo di
fronte a due sfide: capacita' progettuale, che non puo' risolversi
in una sommatoria di progetti gia' esistenti nei singoli
territori, ma deve tradursi in una programmazione condivisa che
dia respiro strategico alla Macroregione. La seconda sfida e' la
governance, affidata ad un governing board costituito dagli
Stati, dall'intergruppo AI del Comitato delle Regioni,
dall'Iniziativa adriatico ionica. Un soggetto ampio, dunque, che
richiede forse la creazione di un punto di condensazione, di
maggiore sintesi e coordinamento". Spacca ha ricordato le grandi
opportunita' che la Macroregione apre. "Non solo c'e' la
possibilita' di utilizzare al meglio i fondi strutturali - ha
concluso - ma anche di accedere alle risorse del Piano Juncker
per la crescita e lo sviluppo della Europa. A che cosa possono
essere destinate se non a progetti che, come avviene nella
Macroregione, nascono da un forte processo democratico, dalla
collaborazione e sintesi tra i territori".

 

xpg
101616 DIC 14

NNNN