Patti sud: Oliverio, messo in mobilità somme consistenti

giovedì 12 gennaio 2017



ZCZC6709/SXR
OCZ65699_SXR_QBXU
R POL S45 QBXU


(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 12 GEN - "Con i Patti siamo entrati
nella fase operativa. Dal 30 di aprile, giorno di firma dei
Patti, oggi possiamo affermare di aver messo in mobilità risorse
consistenti". Lo ha detto il Presidente della Regione Calabria
Mario Oliverio intervenendo alla conferenza stampa a Reggio, a
palazzo San Giorgio, al termine della riunione del Comitato di
indirizzo e controllo per la gestione del Patto per Reggio
Calabria e del Patto per la Calabria.
"Abbiamo mobilitato 868 mln di euro su circa 2 mld in questi
primi mesi - ha detto - oltre il 36% delle risorse disponibili.
Sono stati pubblicati o sono in via di pubblicazione numerosi
bandi. Per quanto riguarda la parte che riguarda il Fondi di
Sviluppo e coesione FSC stiamo praticamente entrando in una fase
cruciale". Oliverio ha elencato alcuni interventi in itinere,
come il completamento dell'invaso della diga sul Menta,
"affinché quest'opera sia finalmente fruita dalla città
metropolitana di Reggio Calabria", la ingegnerizzazione delle
reti idriche della città di Catanzaro, Cosenza e Reggio
Calabria, l'edilizia ospedaliera, con il completamento
dell'Ospedale "Eugenio Morelli" di Reggio Calabria e lo studio
di fattibilità per la realizzazione del nuovo ospedale di
Cosenza. "Siamo pronti - ha detto - per mandare a gare
importanti progetti per la sistemazione idrogeologica.
Interventi che rappresentano un capitolo importante del Patto.
Anche qui stiamo accelerando e stiamo entrando nel vivo della
utilizzazione di queste risorse, come per il settore rifiuti e
per incentivare la raccolta differenziata".
Sulle infrastrutture lineari, Oliverio ha citato
l'investimento di 6 mln di euro destinato alla realizzazione
dell'alta velocità ferroviaria tra Salerno e Reggio Calabria e
l'ammodernamento dei tratti della A2 sui quali bisogna ancora
intervenire. Sul sistema aeroportuale il Governatore ha
precisato che la Regione "non intende rinunciare a nessuno dei
tre aeroporti". Su Gioia Tauro, oltre al bacino di carenaggio,
"la definizione della Zes, per la quale il Governo attraverso
l'allora sottosegretario De Vincenti, attuale Ministro per il
Mezzogiorno, ha assunto l'impegno di dare priorità alla Zes su
Gioia Tauro in riferimento agli strumenti normativi previsti e
la loro illustrazione alla Commissione Europea".
"La riunione di oggi - ha concluso il Presidente della
Regione Calabria - afferma un nuovo metodo, una attenzione
concreta. Non si definiscono i programmi e si annunciano gli
obiettivi. Si definiscono i programmi, si annunciano gli
obiettivi, ma si assume un metodo che è quello del monitoraggio,
del cambiamento delle procedure e del percorso. Una attenzione
importante che non è secondaria, perché se guardiamo
all'esperienza che abbiamo alle spalle, in cui il Mezzogiorno,
in passato, è stato vittima di annunci a cui poi non sono
seguiti i percorsi, appunto, in modo coerente e le procedure per
la realizzazione degli obiettivi. La giornata odierna segna
l'inaugurazione di un metodo che è quello della concretezza, del
fare.  un approccio e una cultura nuova, la cultura della
realizzazione degli obiettivi". (ANSA).

Y2F-SGH/FLC
12-GEN-17 17:06 NNN