Immigrazione: Serracchiani, servono strumenti per emergenza

mercoledì 17 giugno 2015



ZCZC9451/SXR
OTS55625_SXR_QBXK
R REG S41 QBXK

In quote assegnate a Fvg vanno considerati arrivi da terra
   (ANSA) - TRIESTE, 17 GIU - Servono "strumenti che ci mettano
in condizione di affrontare l'emergenza, procedure rapide". Lo
ha sottolineato oggi a Roma la presidente della Regione Debora
Serracchiani, al termine dell'incontro tra il ministro
dell'Interno Angelino Alfano e le Regioni, dove ha riscontrato
"un clima costruttivo e positivo che però deve essere trasferito
nelle prassi delle singole regioni".
   Serracchiani ha rimarcato che "le Autorità centrali devono
assumersi anche formalmente l'impegno di considerare gli arrivi
da terra nelle quote assegnate al Friuli Venezia Giulia: nei
numeri forniti continuano infatti a mancare gli arrivi da
terra".   
   La presidente ha assicurato che "abbiamo fatto la nostra
parte e continueremo a farla", ricordando che "il Friuli Venezia
Giulia è tra le poche regioni che hanno stipulato protocolli per
la vigilanza sanitaria con tutte le aziende sanitarie,
protocolli con la Protezione civile per interventi d'urgenza,
convenzioni per far lavorare i rifugiati. Sono buone prassi che
dimostrano di funzionare".
   Serracchiani ha quindi sottolineato gli aspetti positivi
dell'accoglienza diffusa, dato che "piccoli numeri si gestiscono
meglio di una grande concentrazione di persone".
   Infine, un richiamo a Bruxelles. "Rimane fondamentale - ha
concluso - insistere sull'Europa, perché quello che sta facendo
è assolutamente insufficiente. Dunque importante sarà la
riunione che faremo con il Presidente del Consiglio prima del
Consiglio europeo, perché in quella sede dovremo riuscire a far
vedere che c'è un sistema Paese che si muove assieme". (ANSA).

     KYH/MST
17-GIU-15 20:44 NNN