MIGRANTI: ONU, NEL 2014 QUASI 60 MLN I PROFUGHI NEL MONDO

giovedì 18 giugno 2015



ZCZC
ADN0118 7 CRO 0 ADN CRO NAZ


I dati del Rapporto Global Trends 2014 dell'Unhcr

Roma, 18 giu. (AdnKronos) - Sono 59,5 milioni i migranti forzati
costretti a fuggire dalle loro case alla fine del 2014 rispetto ai
51,2 milioni di un anno prima e ai 37,5 milioni di dieci anni fa.
L'incremento rispetto al 2013 è stato il più alto mai registrato in un
solo anno. È quanto emerge dal Rapporto annuale dell'Alto
Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr), Global
Trends, pubblicato oggi.

Nel 2014, ogni giorno 42.500 persone in media sono diventate
rifugiate, richiedenti asilo o sfollati interni, dato che corrisponde
a un aumento di quattro volte in soli quattro anni. In tutto il mondo,
una persona ogni 122 è attualmente un rifugiato, uno sfollato interno
o un richiedente asilo. Se i 59,5 migranti forzati nel mondo
componessero una nazione, sarebbe la ventiquattresima al mondo per
numero di abitanti.

"Siamo di fronte ad un cambio di paradigma, a un incontrollato piano
inclinato in un'epoca in cui la scala delle migrazioni forzate, così
come le necessarie risposte, fanno chiaramente sembrare insignificante
qualsiasi cosa vista prima", ha dichiarato l'Alto Commissario delle
Nazioni Unite per i Rifugiati António Guterres. "È terrificante che da
un lato coloro che fanno scoppiare i conflitti risultano sempre più
impuniti, e dall'altro sembra esserci apparentemente una totale
incapacità da parte della comunità internazionale a lavorare insieme
per fermare le guerre e costruire e mantenere la pace." (segue)

(Per/AdnKronos)
18-GIU-15 09:43

NNNN
ZCZC
ADN0136 7 CRO 0 ADN CRO NAZ

MIGRANTI: ONU, NEL 2014 QUASI 60 MLN I PROFUGHI NEL MONDO (2) =

(AdnKronos) - Le migrazioni forzate su scala mondiale provocate da
guerre, conflitti e persecuzioni hanno raggiunto i massimi livelli
registrati sinora e i numeri sono in rapida accelerazione. Secondo il
Rapporto Global Trends 2014 dell'UNHCR, l'accelerazione principale è
iniziata nei primi mesi del 2011, quando è scoppiata la guerra in
Siria, diventata la principale causa di migrazione forzata a livello
mondiale.

Nel solo 2014 ci sono stati 13.900.000 nuovi migranti forzati, quattro
volte il numero del 2010. A livello mondiale si sono contati 19,5
milioni di rifugiati (rispetto ai 16,7 milioni del 2013), 38,2 milioni
di sfollati all'interno del proprio paese (rispetto ai 33,3 milioni
del 2013) e 1,8 milioni di persone in attesa dell'esito delle domande
di asilo (contro i 1,2 milioni del 2013). Il dato più allarmante è che
più della metà dei rifugiati a livello mondiale sono bambini.

"A causa delle enormi carenze di finanziamenti e degli ampi divari nel
regime globale per la protezione delle vittime di guerra, molte
persone bisognose di compassione, aiuto e rifugio vengono abbandonate
a loro stesse", ha dichiarato Guterres. "In un'era di esodi forzati di
massa senza precedenti, abbiamo bisogno di una risposta umanitaria
senza precedenti e di un rinnovato impegno globale in favore della
tolleranza e della protezione delle persone in fuga da conflitti e
persecuzioni".

(Per/AdnKronos)
18-GIU-15 10:08

NNNN