+T -T


02/04: (SCHEDA) DL INCENTIVI: TUTTE LE MISURE DA BONUS A QUOTE LATTE

venerdì 3 aprile 2009


ZCZC
AGI2714 3 POL 0 R01 /


(AGI) - Roma, 2 apr. - Con il voto di fiducia sul
maxiemendamento, il decreto incentivi-quote latte si avvia al
suo passaggio finale alla Camera, con il voto sul testo in
programma per lunedi'. Il dl passera' poi al Senato ed e' ormai
scontata una nuova richiesta di fiducia, visto che i termini di
conversione scadono il 12 aprile.
    Queste le principali misure contenute nel testo. Sulle
disposizioni originarie del decreto numero 5, arricchite dal
passaggio nelle commissioni Finanze e Attivita' produttive
della Camera, sono state innestate le norme del decreto numero
4 sulle quote latte.
    - BONUS ROTTAMAZIONE: Bonus da 1.500 euro per la
rottamazione di auto euro 0, euro 1 ed euro 2 immatricolate
fino al 31-12-1999 e l'acquisto di euro 4 ed euro 5; bonus
extra di 1.500 euro per chi acquista auto a metano, elettriche
o a idrogeno.
    Bonus di 2.500 euro per la rottamazione di autocarri euro
0-1-2 fino a 3,5 tonnellate immatricolati prima del 31-12-1999
e l'acquisto di euro 4-5; bonus fino a 4.000 euro per
l'acquisto di veicoli a metano.
    Bonus di 500 euro per l'acquisto di motocicli di cilindrata
fino a 400 cc o non superiore a 60 kW.
    Bonus di 500 euro per l'installazione di impianti a gas e
650 euro per la conversione al metano dei veicoli euro 0-1-2.
    - BONUS ELETTRODOMESTICI E FRIGORIFERI: Possibile una
detrazione del 20%, fino a un massimo di 10mila euro, per
l'acquisto di elettrodomestici di categoria A+ o superiore, di
apparecchi tv, computer e di mobili.
    L'agevolazione si applica alle spese sostenute dal 7
febbraio al 31 dicembre 2009 da chi ha in corso una
ristrutturazione.
    I pagamenti devono essere effettuati tramite bonifico
bancario.
    - PROTOCOLLO CON LE PARTI: Sara' stipulato un apposito
protocollo di intenti con i soggetti delle filiere produttive e
distributive dei beni per i quali sono previsti gli incentivi,
in relazione tra l'altro al mantenimento dei livelli
occupazionali.
    - SORVEGLIANZA: Entro 60 giorni dall'entrata in vigore
della legge di conversione, sara' istituito un organismo di
sorveglianza che vigila sul rispetto degli impegni previsti dal
protocollo.
    - AGGREGAZIONI DI IMPRESA: Introdotta un'agevolazione
fiscale per le imprese che si aggregano e per le operazioni di
ristrutturazioni effettuate nel 2009, che consiste nel
riconoscimento fiscale gratuito del maggior valore attribuito
ai beni strumentali materiali e immateriali.
    - RETI D'IMPRESA: I benefici previsti per i distretti
industriali sono estesi alle reti di impresa. Due o piu'
aziende potranno esercitare in comune alcune attivita' per
accrescere la propria competitivita' e la capacita' di
innovazione.
    - RIVALUTAZIONE IMMOBILI: Ridotta dal 7% al 3% l'imposta
sostitutiva per il riconoscimento fiscale dei maggiori valori
iscritti in bilancio e dal 4% all'1,5% l'imposta per i beni non
ammortizzabili.
    - GARANZIE SACE: Sace prestera' garanzie per la riscossione
di crediti verso la pubblica amministrazione e per l'acquisto a
rate di veicoli commerciali soggetti ai bonus. (AGI)
 Sab  (Segue)
021840 APR 09

NNNN
ZCZC
AGI2715 3 POL 0 R01 /

(SCHEDA) DL INCENTIVI: TUTTE LE MISURE DA BONUS A QUOTE LATTE (2)=
 (AGI) - Roma, 2 apr. - CONTROLLI FISCALI: Sara' il direttore
dell'Agenzia delle entrate a stabilire i criteri di controllo
sulle agevolazioni in materia di imposta di registro,
ipotecaria e catastale, sulle successioni e donazioni.
    -STOP A DELOCALIZZAZIONE EXTRA UE: Gli incentivi sono
limitati alle aziende che si impegnano a non delocalizzare
fuori dai Paesi Ue.
    - FONDO DA 400 MLN: Fondo da 400 milioni di euro per
interventi urgenti e indifferibili, particolarmente nel settore
dell'istruzione e per eventi celebrativi. La misura consentira'
tra l'altro l'assunzione di centinaia di lsu del settore
scuola.
    - FONDO DI GARANZIA: La dotazione del Fondo di garanzia e'
incrementata di 1 miliardo di euro: 200 milioni di euro nel
2010, di 300 milioni nel 2011 e di altri 500 milioni nel 2012.
    Potranno accedervi anche le piccole e medie imprese.
    - PATTO DI STABILITA' INTERNO: Sara' consentito ai comuni
con piu' di 5mila abitanti di escludere dal computo del saldo
alcune spese, ma solo a quelli virtuosi che abbiano rispettato
il patto nel 2007.
    Tra l'altro non saranno conteggiati i pagamenti per spese
in conto capitale, per impegni gia' assunti, finanziate dal
minor onere per interesse conseguente alla riduzione dei tassi
di interesse sui mutui o alla rinegoziazione dei mutui.
    Inoltre, non si computeranno i pagamenti in conto residui
che riguardano spese per investimenti effettuate nell'ambito
delle disponibilita' di cassa, ma nei limiti degli importi che
indichera' la Regione cui tocchera' pero' rideterminare di
conseguenza il proprio obbiettivo programmatico.
    Confermata poi l'esclusione delle spese degli enti locali
per la sicurezza pubblica e per interventi straordinari di
carattere sociale in conseguenza della crisi, con un limite di
spesa complessivo di 150 milioni di euro.
    - REGIONI E PROVINCE AUTONOME: Per il 2009-2010 sono
escluse dal Patto di stabilita' interno le maggiori spese
correnti realizzate con la quota di cofinanziamento
nazionaliper le finalita' adattabilita'-occupabilita'.
    Il Fondo di rotazione potra' anticipare, su richiesta, le
quote dei contributi comunitari e statali previste fino al 2010
sempre per adattabilita'-occupabilita', cosi' da assicurare
l'integrale utilizzo delle risorse comunitarie e nazionali
destinate al sostegno al reddito in base all'accordo tra
governo e Regioni e Province autonome del 12 febbraio scorso.
    - NORME ANTISPECULAZIONE: L'obbligo di Opa totalitaria
scattera' con acquisti superiori al 5 per cento, e non piu' al
3 per cento, se si arriva oltre il 30 per cento senza disporre
della maggioranza dei diritti di voto nell'assemblea ordinaria.
    Il limite di riacquisto di azioni proprie sale dal 10 al
20%.
    La Consob, poi, potra' decidere di ridurre la soglia oltre
la quale scatta l'obbligo di comunicazioni al mercato,
attualmente al 2 per cento.
    Inasprite notevolmente poi le sanzioni in caso di mancata
comunicazione, da un minimo di 25.000 euro (erano 5.000) aun
massimo di 2,5 milioni di euro (erano 500mila).
    - ALITALIA: Sara' creato un fondo da 100 milioni di euro
per il rimborso degli obbligazionisti Alitalia, fino a un
massino di 100mila euro a testa, attraverso titoli di Stato in
scadenza 31 dicembre 2012.
    Esteso ai fornitori di Alitalia il pagamento dell'Iva per
cassa. (AGI)  
 Sab  (Segue)
021840 APR 09

NNNN
ZCZC
AGI2716 3 POL 0 R01 /

(SCHEDA) DL INCENTIVI: TUTTE LE MISURE DA BONUS A QUOTE LATTE (3)=
 (AGI) - Roma, 2 apr. - BEI: Le imprese che hanno ottenuto
fondi per la realizzazione di opere infrastrutturali potranno
rivolgersi direttamente alla Banca europea di investimenti per
finanziare il progetto.
    - PACCHETTO PRECARI: Approvate le misure varate dal governo
il 13 marzo. Tra l'altro, si prevede la riduzione a 20 giorni i
tempi per l'erogazione degli ammortizzatori, la concessione
della cig in deroga ai lavoratori di particolari settori
produttivi o aree regionali, il raddoppio dell'indennita' ai
co.co.pro e incentivi alle aziende che assumono lavoratori che
beneficiano di ammortizzatori in deroga.
    - CASSA DEPOSITI E PRESTITI: Le operazioni della Cdp
possono assumere qualsiasi forma, dalla concessione di
finanziamenti al rilascio di garanzie, all'assunzione di
capitale di rischio o di debito e possono essere realizzate
anche a favore delle piccole e medie imprese per finalita' di
sostegno dell'economia.
    - CREDITI ALLE IMPRESE: Esteso ai crediti maturati dalle
imprese nei confronti dei ministeri nel 2008 la possibilita' di
compensazione fiscale gia' prevista dal decreto anti-crisi per
gli anni precedenti.
    Istituito anche un sistema di monitoraggio per evitare per
il futuro l'accumularsi di crediti.
    - TESSILE E CALZATURIERO: Dieci milioni del fondo di
garanzia saranno destinati nel 2009 ai settori tessile,
calzaturiero e della concia, per interventi legati a
smaltimento rifiuti e depurazione delle acque, e per il
rilascio di garanzie anche attraverso i confidi.
    - ACCIAIO: Introdotti severi standard di qualita' a
salvaguardia dell'acciaio italiano.
    - AMIANTO: Confermate le pensioni per i lavoratori esposti
all'amianto, con una dotazione per il 2009 di 35 milioni di
euro.
    - GRANDI OPERE: Ridefinite le prerogative del commissario
grandi opere fissate gia' nel dl 185.
    - NCC: Slitta al 30 giugno l'entrata in vigore delle nuove
norme sul servizio di noleggio con conducente.
    - POSTE E FS: Annullato per Poste e Fs il tetto alle spese
per consulenze, studi, sponsorizzazioni e pubblicita'.
    - AUTOTRASPORTO: Nei contratti per il trasporto sara'
inserita la variazione del costo del gasolio.
    Prorogati proroga di un mese, al 16 maggio, i pagamenti dei
premi Inail.
    - TIRRENIA: Consentito al gruppo Tirrenia di utilizzare gli
oltre 6 miliardi e 600 milioni di euro di pagamenti non piu'
dovuti a parziale copertura del disavanzo 2008. Anche i
lavoratori Tirrenia, poi, potranno usufruire degli
ammortizzatori introdotti dal dl.
    - NAVIGAZIONE LAGHI: Per scongiurare che sia compromessa la
continuita' del servizio pubblico di navigazione sui laghi
Maggiore, di Garda e di Como, e' consentito per il 2009 e 2010
alla Gestione Governativa Navigazione Laghi l'utilizzo degli
avanzi di amministrazione 2007 e 2008.
    - LOTTA ALL'EVASIONE: Incrementati di 4 milioni di euro nel
2009 e nel 2010 gli stanziamenti per la lotta all'evasione e
all'elusione fiscale.
    - BONUS DECODER: Saranno estesi ovunque, previa intesa con
le singole regioni, i rimborsi all'acquisto di decoder gia'
previsti in Sardegna e Valle d'Aosta, in base a parametri di
reddito ed eta'.
    - CONVERSIONE CENTRALI A CARBONE: Gli impianti di
produzione di energia elettrica alimentati a olio combustibile
potranno riconvertirsi a carbone, in deroga alle leggi
nazionali e regionali sui limiti di localizzazione
territoriale, purche' la riconversione assicuri l'abbattimento
delle emissioni di almeno il 50 per cento rispetto ai limiti
previsti per i grandi impianti di combustione. La norma si
applica alla centrale Enel di Porto Tolle. (AGI)  
 Sab  (Segue)
021840 APR 09

NNNN