+T -T


Grieco (Regioni): le affermazioni del Ministro Di Maio su Centri per l’impiego sono fuori misura

mercoledì 31 luglio 2019

Roma, 31 luglio 2019 (comunicato stampa) “Le affermazioni del Ministro Di Maio che delineano centri per l’impiego finora allo sbando e capaci solo di fornire umiliazioni e non opportunità sono fuori misura e rappresentano un’offesa nei confronti di chi fino ad oggi si è impegnato in situazioni difficili, facendo fronte a carenze strutturali e di organico, a tenere comunque in vita le politiche attive per il lavoro”, così Cristina Grieco, coordinatrice della Commissione Lavoro della Conferenza delle Regioni replica alle esternazioni del ministro del lavoro Luigi Di Maio, durante l’evento di formazione per i navigator in corso a Roma.

 

“Abbiamo collaborato lealmente come Regioni alla fase attuativa del provvedimento relativo al Reddito di Cittadinanza, pur avendo sempre rappresentato al Ministro le criticità legate al rapporto di lavoro precario dei navigator. Continueremo a confrontarci sul piano istituzionale, ma come sa bene il Ministro, le politiche attive per il lavoro potranno essere potenziate solo con un rafforzamento stabile e con integrazione di ruoli e competenze, e non certo solo con l’ingresso “salvifico e provvidenziale” dei navigator.

 

In questo settore - prosegue Cristina Grieco - non ci sono “alfieri” più validi di altri, ci sono lavoratori che meritano rispetto e che avranno il compito difficile di curare il coordinamento dell’attività di assistenza tecnica che dovrà essere fornita dai navigator. Questi lavoratori sono proprio coloro che oggi operano nei centri per l’impego e che da domani saranno chiamati anche ad una difficile opera di collegamento e di gestione dei patti per il lavoro.

 

Mettere in contrapposizione il ‘vecchio’ e il ‘nuovo’ è un modo sterile di fare politica e non rafforza il sistema, anzi lo indebolisce e probabilmente – conclude la coordinatrice della Commissione Lavoro della Conferenza delle Regioni - fa correre il rischio di partire da basi sbagliate”.

 

 

(2019-109sm)