+T -T


Conferenza Regioni
e Province Autonome
Doc. Approvato - AGRICOLTURA. DECRETO DENUNCIA ANNUALE UVE DOCG, DOC E IGT, PARERE

giovedì 16 novembre 2006

PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO DEL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI RECANTE DISPOSIZIONI SULLA DENUNCIA ANNUALE DELLE UVE DOCG, DOC E IGT E LA CERTIFICAZIONE DELLE STESSE PRODUZIONI, NONCHÉ SUGLI ADEMPIMENTI DEGLI ENTI E ORGANISMI PREPOSTI ALLA GESTIONE DEI RELATIVI DATI E AI CONTROLLI

Punto 6) Elenco B – O.d.g. Conferenza Stato-Regioni

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome esprime parere favorevole con le seguenti osservazioni relative all’allegato 4, concernente l’elenco dei codici identificativi dei vini a DOC e ad IGT prodotti sul territorio regionale:

a)                 DOC “Bianco dell’Empolese”

In analogia agli altri vini a denominazione di origine che comprendono la tipologia Vin Santo (es. vino a DOC “Capalbio”), si chiede di cassare la dizione “Bianco dell’Empolese Vin Santo amabile” e “Bianco dell’Empolese Vin Santo secco”, lasciando solo la tipologia “Bianco dell’Empolese Vin Santo”;

b)                 DOC “Terratico di Bibbona”

Si chiede l’indicazione completa del nome del vitigno per la tipologia “Terratico di Bibbona Trebbiano Toscano” e l’inserimento della tipologia “Terratico di Bibbona Sangiovese”, in quanto prevista dal disciplinare di produzione;

c)                  DOC “Vin Santo del Chianti”

Il “Vin Santo del Chianti Riserva” è riportato erroneamente due volte, sempre con il medesimo codice (B326X8881EAA1X). Inoltre non è stata riportata la tipologia “Riserva” per il “Vin Santo del Chianti Occhio di Pernice” riferito alle sottozone “Colli Aretini”, “Colli Fiorentini”, “Colli Senesi”, “Colline Pisane”, “Montespertoli” e “Ruffina”;

d)                 IGT “Maremma Toscana”

Si chiede, in analogia con quanto riportato per altri vini ad IGT (es. Colli della Toscana centrale) che per i vini varietali ottenuti da Trebbiano Toscano, Malvasia del Chianti e Riesling Renano venga riportata tra parentesi l’indicazione completa del nome del vitigno (comprensiva del termine geografico);

e)                 IGT “Val di Magra”

Si chiede di cassare la dizione “Val di Magra Trebbiano Toscano”, lasciando l’indicazione generica “Val di Magra Trebbiano” e riportando tra parentesi il nome completo del vitigno (comprensivo del termine geografico);

f)                  IGT “Montecastelli”

Si chiede che per la tipologia varietale ottenuta da Trebbiano Toscano venga riportata tra parentesi l’indicazione completa del nome del vitigno (comprensiva del termine geografico).

Roma, 16 novembre 2006