+T -T


SPETTACOLO, RAPPORTO TRA FONDO UNICO E PIL SOTTO 0,02% DA 2017

venerdì 21 dicembre 2018


PPA0048 1  PEC NG01 1054 ITA0048
SPETTACOLO, RAPPORTO TRA FONDO UNICO E PIL SOTTO 0,02% DA 2017

 

(Public Policy) - Roma, 21 dic -  Da un'incidenza sul PIL dello
0,085% nel 1985 ad una pari allo 0,0194% nel 2017. È questo uno dei
dati più rilevanti che emerge dalla relazione del Mibac
sull'utilizzazione del fondo unico per lo spettacolo, il Fus, e
sull'andamento complessivo dello spettacolo per il 2017, pubblicata
sul sito del dicastero.

Il rapporto percentuale tra lo stanziamento del fondo e il prodotto
interno lordo, come si legge nella relazione, ha assunto nel 1986 il
valore più alto, lo 0,0873%. Tale rapporto è sotto lo 0,05% dal 1995;
dal 2002 sotto lo 0,04%; dal 2006 sotto lo 0,03% e nel 2017, per la
prima volta, sotto lo 0,02% (nel 2016 era lo 0,0242%).

CONSISTENZA 2017

La consistenza del fondo Unico per lo spettacolo 2017, anno da cui
vanno scorporate lel risorse destinate alle attività
cinematografiche, è pari a un ammontare definitivo di 333milioni
716mila e 856 euro.


(Public Policy) @PPolicy_News

 IAC
211452 dic 2018

 

PPA0049 1  PEC NG01 1394 ITA0049
SPETTACOLO, RAPPORTO TRA FONDO UNICO E PIL SOTTO 0,02% DA 2017-2-

 

(Public Policy) - Roma, 21 dic -  FUS A PREZZI CORRENTI

Secondo la relazione del ministero, lo stanziamento a prezzi correnti
"è nel 1985 pari a circa 363,48 milioni di euro, raggiunge il valore
più alto nel 2001 superando i 530 milioni di euro (circa 530,92
milioni di euro), negli anni 2014, 2015 e 2016 è di poco maggiore di
406 milioni di euro, e nell'ultimo anno è pari a circa 333,72 milioni
di euro" con una diminuzone percentuale del 17,98% rispetto all'anno
precedente e dell'8,19% rispetto al 1985.

FUS A PREZZI COSTANTI

Considerando "il valore reale delle risorse stanziate" però, "ossia
quello calcolato a prezzi costanti in modo da eliminare l'effetto
distorsivo dell'inflazione, nel 2017 si registra il valore più basso
di sempre, circa 133,22 milioni di euro: -18,90% rispetto all'anno
precedente e -63,35% rispetto al 1985". Il valore reale "diminuisce
di anno in anno dal 2008 al 2013, da circa 201,65 milioni di euro del
2008 a circa 157,01 milioni di euro del 2013, negli anni 2014, 2015 e
2016 è di poco maggiore di 160 milioni di euro, e nel 2017 assume il
valore più basso di sempre".


(Public Policy) @PPolicy_News

 IAC
211452 dic 2018

 

PPA0057 1  PEC NG01 1509 ITA0057
SPETTACOLO, IN FUS 2017 +1,26% RISORSE. ESCLUSO FONDO CINEMA
//FOCUS-2-
RELAZIONE MIBAC SU FONDO UNICO PER LO SPETTACOLO


(Public Policy) - Roma, 21 dic - 


DIMINUZIONE TRA 2016 E 2017 MA NON C'È CINEMA

La consistenza del Fus 2017, dunque, prevede una diminuzione di 73,14
milioni di euro, il -17,98%, rispetto all'anno precedente ma senza
considerare lo stanziamento per le attività cinematografiche c'è un
aumento di 4,16 milioni di euro (+1,26%) per le altre attività. Nelo
specifico, l'importo stanziato, oltre ad altre voci, è "invariato"
per il settore della fondazioni lirico-sinfoniche mentre è aumentato
per le attività musicali (+1,86%), teatrali (+0,79%) e anche per le
attività circensi e di spettacolo viaggiante (+8,29%).

Dal punto di vista percentuale, la variazione maggiore riguarda la
voce "residenze e under 35" che passa da un'incidenza sul Fus dello
0,49%, con un valore di 1,9 milioni di euro, allo 0,88%, con una
dotazione di 2,93 milioni: la maggiorazione percentuale è del 47,29%

Rispetto al 2016, ancora, sono diminuiti l'importo per il
funzionamento dell'Osservatorio dello spettacolo e per l'affidamento
di incarichi e la stipula di convenzioni e quello per il
funzionamento delle commissioni concernenti le erogazioni dei
contributi connessi all'attività dello spettacolo (rispettivamente
-23,19% e -38,55%).


(Public Policy) @PPolicy_News

 IAC
211558 dic 2018

 

PPA0072 1  PEC NG01 1541 ITA0072
SPETTACOLO, IN RIPARTIZIONE FUS 2017 LOMBARDIA SUL PODIO. VALLE
D'AOSTA ULTIMA

 

(Public Policy) - Roma, 21 dic -  In termini assoluti e percentuali,
la Lombardia è la regione che nel 2017 ha ricevuto più fondi: 52
milioni e 380mila euro, pari al 15,57% del totale, seguita da Lazio
(49,7 milioni pari al 14,78%) e Veneto (37,8 milioni pari all'11,8%).
Oltre la Valle d'Aosta (14mila euro), l'altra regione che ne ha
ricevuti di meno è il Molise: 86mila euro, divisi in 2 contributi,
che valgono lo 0,03%. È questo uno dei dati più rilevanti che emerge
dalla relazione del Mibac sull'utilizzazione del fondo unico per lo
spettacolo, il Fus, e sull'andamento complessivo dello spettacolo per
il 2017, pubblicata sul sito del dicastero.

I soggetti del Lazio ricevono il numero più alto di contributi: 134
contributi e 49milioni e 718mila euro. Più di 80 contributi, si legge
nel documento ministeriale, "sono destinati rispettivamente anche sia
ai soggetti dell'Emilia Romagna e a quelli della Toscana,
rispettivamente 85 e 82, mentre meno di 10 vanno rispettivamente ai
beneficiari della Calabria (7), del Molise (2) e della Valle d'Aosta
(1)".

Un importo maggiore di 25 milioni di euro è assegnato rispettivamente
a Veneto (37,8 milioni di euro), Emilia-Romagna (28,8 milioni di
euro) e Toscana (28,3 milioni di euro) mentre meno di 100 mila euro
vanno in Molise e Valle d'Aosta, rispettivamente poco più di 86mila
euro e 14mila.


(Public Policy) @PPolicy_News

 IAC
211654 dic 2018