+T -T


CULTURA. BONISOLI: RIORGANIZZAZIONE MINISTERO NON PER CRISI GOVERNO

lunedì 2 settembre 2019


ZCZC
DIR1224 3 CLT  0 RR1 N/POL / DIR /TXT  

CULTURA. BONISOLI: RIORGANIZZAZIONE MINISTERO NON PER CRISI GOVERNO
LETTERA A DIPENDENTI: 'NESSUN CENTRALISMO, MUSEI RESTANO AUTONOMI'

(DIRE) Roma, 2 set. - La riorganizzazione estiva del Mibac "non
e' stata una accelerazione in conseguenza della crisi di
governo", ma "semplicemente l'espressione di un'azione
politico-amministrativa responsabile, sviluppata nel rigoroso
rispetto dei tempi e delle regole istituzionali". E' quanto
scrive il ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, in una
lettera inviata a tutti i dipendenti, per "fare chiarezza sui
cambiamenti introdotti e rivendicando il metodo utilizzato".
   Secondo Bonisoli "entro il 22 agosto dovevano essere adottati
alcuni atti dovuti, volti a garantire la funzionalita' degli
uffici, quali il decreto di articolazione delle strutture
centrali del ministero e quello relativo al nuovo assetto dei
musei. Abbiamo pertanto disegnato una governance piu' forte,
orientata soprattutto ad assecondare le richieste e necessita'
degli uffici e volta a favorire risposte tempestive anche nella
gestione dei rapporti internazionali". Per il ministro "nessuno
spirito centralista", dunque, "ma solo misure volte a garantire
maggiori livelli di razionalita', efficienza ed economicita'
dell'azione amministrativa, secondo i principi sanciti
dall'articolo 97 della Costituzione".(SEGUE)
  (Mel/ Dire)
17:52 02-09-19

NNNN
ZCZC
DIR1225 3 CLT  0 RR1 N/POL / DIR /TXT  

CULTURA. BONISOLI: RIORGANIZZAZIONE MINISTERO NON PER CRISI GOVERNO -2-


(DIRE) Roma, 2 set. - "La riorganizzazione- spiega ancora
Bonisoli nella lettera- non altera, ne' poteva alterare, il
numero delle posizioni di livello dirigenziale generale del
ministero, che sono rimaste 25. Abbiamo introdotto due nuove
strutture necessarie a migliorare il funzionamento del ministero.
La prima riguarda l'informatizzazione dei processi e
l'innovazione tecnologica, la seconda e' relativa a una Direzione
generale dedicata a gare, contratti e concessioni".
   Per quanto riguarda la riorganizzazione riguardante i musei,
Bonisoli scrive che "l'autonomia dei musei di rilevanza nazionale
non solo resta, ma viene aumentata attraverso provvedimenti che
non intaccano l'autonomia finanziaria, ne' il principio della
individuazione dei Direttori tramite procedure che consentano di
individuare candidati in possesso delle competenze necessarie per
gestire un'istituzione museale moderna, intervenendo diversamente
sulla governance in termini di semplificazione e
razionalizzazione declinati secondo il principio dell'articolo 9
della Costituzione".
  (Mel/ Dire)
17:52 02-09-19

NNNN