+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Lombardia]
LN-LOMBARDIA.AGRICOLTURA,BECCALOSSI:331 MILIONI A 32.000 AZIENDE

sabato 22 dicembre 2007

LN-LOMBARDIA.AGRICOLTURA,BECCALOSSI:331 MILIONI A 32.000 AZIENDE

 

DA REGIONE INTERVENTO DA 150 MILIONI PER COLMARE RITARDI GOVERNO

(Ln - Milano, 22 dic) "Entro fine anno 32.000 aziende agricole
lombarde riceveranno il pagamento della domenica unica 2007
della PAC (Politica Agricola Comune). L'importo complessivo
delle risorse destinate alle imprese è di 331 mioni di euro,
quasi il 70% del totale complessivo. Un'azione, la nostra,
possibile solo grazie all'intervento concreto e diretto di
Regione Lombardia che ha provveduto ad anticipare, attraverso le
sue casse, ben 150 milioni per colmare lacune e ritardi del
Governo centrale, che ad oggi ha assegnato solo il 40% delle
risorse che ci spettano".
Viviana Beccalossi, vicepresidente e assessore regionale
all'Agricoltura, illustra così l'importante traguardo raggiunto
anche grazie al prezioso supporto tecnico garantito
dall'Organismo Pagatore Regionale. In pratica, nel giro di una
settimana, sarà saldato il 70% del totale dei pagamenti di una
delle misure di sostegno diretto al reddito più rilevanti,
indrodotta dalla riforma della PAC.
"Grazie ad una gestione efficace e flessibile delle risorse -
commenta Viviana Beccalossi - siamo riusciti a mettere a
disposizione delle aziende queste importanti risorse. La
Lombardia, dunque, oltre ad essere primatista nazionale sia per
la produzione che per il fatturato agricolo e agroalimentare,
con questo ennesimo intervento conferma la propria efficienza
nella gestione amministrativa del settore. Continueremo a
lavorare per mettere a disposizione delle imprese tutti gli
strumenti, i servizi e le procedure per consentire l' utilizzo
della totalità delle risorse europee".
Entro fine gennaio 2008, verranno pagati altri 73 milioni di
euro raggiungendo così la totalità dei pagamenti realizzabili a
quella data (pari all'80% dei fondi della domanda unica 2007).
Resteranno infine da liquidare le imprese beneficiarie sulle
quali sono ancora in corso verifiche e controlli di vario
genere.
"Anche in questo caso - conclude Viviana Beccalossi -
confermiamo la linea intrapresa da tempo in questa materia: chi
non rispetta le regole non riceverà contributi".(Ln)