+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Sicilia]
SALUTE: IN SICILIA MENO OBESI TRA LA POPOLAZIONE GIOVANILE

lunedì 21 novembre 2011

SALUTE: IN SICILIA MENO OBESI TRA LA POPOLAZIONE GIOVANILE

La Sicilia fa registrare un'importante inversione di tendenza nella lotta all'obesita' infantile: secondo gli ultimi dati, tra i bambini di terza elementare c'e' stata una riduzione del 4% rispetto alla campagna del 2007. C'e' stata anche una rilevante riduzione di alcuni fattori di rischio come i comportamenti sedentari per i bambini delle scuole elementari: meno della meta' dei bambini passa almeno diverse ore davanti a tv e videogiochi (47%). Sono sempre piu' diffuse le adesioni a stili di vita salutari: attivita' fisica (45%); giochi all'aperto (54%); consumo di frutta e verdura (4%); merenda di meta' mattina 12% e consumo della prima colazione (83%).

Sono questi i principali risultati dell'indagine condotta tra 1280 studenti di 64 scuole primarie siciliane e di 2840 studenti di 223 classi di scuola media e superiore nell'ambito del progetto di controllo sui rischi comportamentali tra i ragazzi di eta' compresa tra i 6 e i 17 anni voluto dal Ministero della Salute e dal Centro di Controllo delle Malattie (CCM) e coordinato dall'Istituto Superiore di Sanita'.

Nell'ambito di questo progetto, al quale la Sicilia ha aderito, e' stata sviluppata l'indagine "OKkio alla Salute", un sistema di sorveglianza sullo stato nutrizionale e sui fattori di rischio ad esso associati nei bambini delle scuole primarie ed e' stato avviato il sistema di sorveglianza sugli stili di vita e sui comportamenti dei giovani "HBSC- Health Behaviour in School - aged in Children".

"I dati confermano che la prevenzione e' alla base di una corretta politica sanitaria - ha commentato l'assessore regionale per la Salute, Massimo Russo - e quest'amministrazione crede molto nella prevenzione a partire dal miglioramento degli stili di vita e dalla correzione di comportamenti a rischio. I miglioramenti conseguiti vanno certamente messi in relazione con le attivita' di promozione e di educazione alla salute volute dall'assessorato nell'ambito del Piano regionale della Prevenzione e basate sull'integrazione tra salute, scuola e famiglia. Nonostante i dati siano incoraggianti, dobbiamo ancora lavorare per diffondere nelle famiglie e nella scuola il convincimento di quanto sia importante non sottovalutare il problema dello stato nutrizionale dei propri figli, della qualita' e della quantita' dei cibi assunti e degli aspetti legati alle attivita' che favoriscono il movimento

Riguardo allo stato di salute e benessere fisico, psichico e sociale dei preadolescenti, i risultati dell'indagine condotta tra i ragazzi delle scuole medie e superiori della Sicilia mostrano che il sovrappeso e l'obesita' tra gli undicenni e' pari al 26% e tende a scendere con il crescere dell'eta': a quindici anni e' pari al 18% e si mantiene costantemente piu' elevato tra i maschi. Quasi la meta' degli adolescenti consuma la frutta quotidianamente ma il consumo di verdure e' piu' basso. Cresce con l'eta' il consumo di bevande alcoliche e aumenta l'abitudine al fumo e ai comportamenti sedentari.

Il 15% dei ragazzi di 15 anni d'eta' dichiara di aver gia' fatto uso di droghe quali la cannabis, mentre il 22% dice di avere avuto rapporti sessuali completi e di questi il 24% dichiara di avere avuto rapporti non protetti. In tema di violenza, si e' evidenziato che la maggior parte di ragazzi/e non e' coinvolto in tali comportamenti; particolare attenzione destano tuttavia i dati degli 11enni, tra i quali circa il 5% dice di aver subito atti di bullismo.

Le indagini a livello regionale sono state coordinate dal Dipartimento attivita' sanitarie e osservatorio epidemiologico diretto da Lucia Borsellino grazie anche all'efficiente rete di raccolta dei risultati realizzata fra gli operatori del mondo della scuola e della salute.

"I dati ad oggi raccolti - ha aggiunto Lucia Borsellino - dimostrano che occorre continuare a valorizzare strategie di promozione e di educazione alla salute sempre piu' capillari sul territorio e nelle comunita', attraverso interventi integrati che coinvolgano tutti gli attori istituzionalmente coinvolti".