+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Friuli Venezia Giulia]
SALUTE: TONDO-FRANZ, CASA ANZIANI CIVIDALE ESEMPIO DI ECCELLENZA

sabato 11 febbraio 2012

SALUTE: TONDO-FRANZ, CASA ANZIANI CIVIDALE ESEMPIO DI ECCELLENZA

L'attenzione e l'impegno della Regione per gli anziani, manifestata attraverso servizi e standard che manterranno un'elevata qualità nonostante la situazione economica in atto; il compiacimento dell'Amministrazione per le strutture di assistenza, come la casa per anziani di Cividale del Friuli, che confermano il loro potere attrattivo anche verso utenti provenienti da altre realtà del nostro Paese; un sincero ringraziamento alla vasta rete del volontariato, senza la quale il sistema sanitario e assistenziale della Regione non potrebbe vantare eccellenze.

 

Questi, in sintesi, i contenuti dell'intervento del presidente della Regione, Renzo Tondo, in occasione dell'inaugurazione del primo lotto dei lavori di ristrutturazione dell'Azienda pubblica di servizi alla persona Casa per anziani di Cividale del Friuli.

 

Struttura, che come ha ricordato in apertura della cerimonia la sua presidente, Piera Beuzer, assieme al sindaco di Cividale, Stefano Balloch, fondata nel 1970 ha radicato negli anni la sua funzione a favore di un territorio sempre più vasto, puntando a rispondere alle rinnovate esigenze della comunità e in particolare della popolazione anziana e delle famiglie di persone non autosufficienti.

 

In quest'ottica si inserisce il progetto di ristrutturazione del complesso, che si trova in Viale Trieste, nel centro abitato della città ducale. Ristrutturazione che si sta concretizzando senza creare disagio ai degenti.

 

Infatti, com'è stato specificato, le 18 nuove camere, dotate di servizi, la sala da pranzo, e un ampio corridoio di raccordo con un'altra ala del fabbricato, sono stati realizzati mentre la Casa per anziani continuava a erogare i servizi ai suoi ospiti.

 

Tondo è intervenuto alla cerimonia per testimoniare, assieme al presidente del Consiglio regionale, Maurizio Franz, ai consiglieri regionali Colautti, Novelli e Pustetto, e al nuovo direttore centrale della direzione regionale Salute, Cortiula, l'attenzione dell'Amministrazione verso un tema centrale della nostra società, che è quello degli anziani.

 

Infatti, il Friuli Venezia Giulia è la seconda Regione in Italia rispetto all'età media più elevata dei propri cittadini, e nel contempo l'Italia è il Paese europeo con l'indice di natalità più

basso: il progressivo invecchiamento della popolazione, come ha ricordato il presidente della Regione, fa allargare sempre di più la forbice tra i cittadini che producono ricchezza, e quelli che la consumano.

 

Ciononostante, la nostra Regione può comunque affrontare con risultati significativi la politica sanitaria, grazie alle scelte operate dai suoi amministratori.

 

Tondo ha infatti ricordato che il Friuli Venezia Giulia ha ottenuto dallo Stato, all'epoca della presidenza di Pietro Fontanini, due decimi in più delle entrate fiscali derivate dall'IVA in cambio della gestione autonoma della sanità. Una gestione che ora deve tenere conto della riduzione delle entrate fiscali.

 

Anche se, come ha ribadito Tondo, nonostante la crisi non verranno comunque meno la qualità dei servizi né le condizioni di eccellenza che sono apprezzate, com'egli aveva avuto modo di evidenziare nel recente incontro a Roma con il premier Mario Monti, anche nel resto del Paese.

 

Tale livello di qualità, per Tondo si deve a una forma di federalismo responsabile che il Friuli Venezia Giulia sta dimostrando di saper gestire con successo.

 

Per mantenere gli standard di salute e di assistenza elevati che, anche tenendo conto dell'evoluzione delle dinamiche della società, non possono trascurare gli anziani, gli autosufficienti, e le loro famiglie, la Regione è impegnata a razionalizzare le strutture sanitarie, valorizzando quelle che assicurano maggiori garanzie nelle prestazioni.

 

Nel contempo, la Regione ha incrementato le risorse per il Fondo per non autosufficienti, a fronte della riduzione degli stanziamenti da parte dello Stato rispetto a tale ambito della salute.

 

Come ha insistito il Tondo nel concludere, quello sanitario rappresenta un elemento essenziale di una Regione che funziona; il quale non potrebbe risultare efficiente senza l'apporto della solidarietà di tanti volontari, così come degli operatori, che svolgono una vera e propria missione a favore degli anziani. Essi rappresentano, in questo modo, con il loro impegno, i valori positivi che sono insiti in una comunità, la nostra, la quale possiede le caratteristiche migliori per poter vincere le sfide della società, in un periodo non facile come questo.

 

Mentre, nell'occasione, il presidente del Consiglio, Maurizio Franz, ha citato a sua volta la Casa per anziani di Cividale del Friuli quale esempio di eccellenza, prova concreta dell'impegno della Regione e della intera comunità nei confronti delle fasce più deboli della popolazione, il presidente della Provincia di Udine, Pietro Fontanini, ha invitato l'intera classe politica del Friuli Venezia Giulia a battersi perché siano garantiti anche per il futuro alla nostra gente un settore della salute e servizi di assistenza di alta qualità, specialmente a vantaggio delle fasce più deboli.