+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Sardegna]
TURISMO, AIUTI ALBERGHI LEGGE 9/98: COMMISSIONE EUROPEA ACCETTA PIANO RECUPERO DILAZIONATO

giovedì 5 novembre 2015

Cagliari, 5 novembre 2015 - La Commissione Europea ha accettato il piano di recupero, in forma dilazionata, degli aiuti agli alberghi sardi oggetto di infrazione, proposto dalla Regione a Bruxelles. Ne ha dato notizia oggi il capo di Gabinetto della Presidenza, Filippo Spanu, ai rappresentanti delle strutture ricettive coinvolte e dell'associazione di categoria Federalberghi.

La rappresentanza italiana in Commissione ha comunicato che sarà possibile restituire le cifre - concesse in virtù di un intervento regolato dalla legge regionale 9 del 1998 e poi considerato illegittimo - attraverso una rateizzazione in dodici mesi.

L’importante risultato, ottenuto a seguito dell’azione portata avanti dalla Giunta Pigliaru, sia sotto il profilo politico sia amministrativo, potrà consentire anche la sospensione del ricorso in Corte di Giustizia europea che avrebbe potuto determinare ingenti sanzioni nei confronti dell’amministrazione regionale, in virtù dei ritardi sul mancato recupero degli aiuti.

“È la prima volta che si prospetta una soluzione concreta a questa intricata vicenda - ha detto l'assessore del Turismo, Artigianato e Commercio, Francesco Morandi - certamente frutto dell’intensa e costante attività di mediazione intrapresa dalla Regione, tesa ad attutire il peso del recupero finanziario già sancito da più sentenze”.

La procedura di recupero dilazionata sarà regolata da un atto transattivo, sottoposto all’attenzione della Giunta. Nel frattempo proseguiranno anche le interlocuzioni con Equitalia per concordare tutte le disposizioni indispensabili ed il contatto con l'Agenzia delle Entrate per il successivo recupero nei tempi più brevi delle imposte a suo tempo versate.

"La Regione si impegnerà altresì a far accedere le imprese al fondo di garanzia verso le banche per agevolare ulteriormente richieste di liquidità necessarie, compatibilmente con la normativa Comunitaria", ha concluso Spanu