+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Lombardia]
FANGHI, CATTANEO: SOLUZIONE A EMERGENZA GRAZIE A COLLABORAZIONE TRA ENTI E OPERATORI

venerdì 12 ottobre 2018

STAMATTINA IN REGIONE TAVOLO CONVOCATO DA ASSESSORE AMBIENTE ANNUNCIATA CREAZIONE TASK FORCE PER INDIVIDUARE ALTRI UTILIZZI

(LNews - Milano, 12 ott) Si e' riunito questa mattina a Palazzo Lombardia il tavolo regionale per la gestione dell'emergenza fanghi in Lombardia, convocato dall'assessore all'Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo. Tra gli obiettivi dell'incontro la presentazione agli operatori presenti degli avanzamenti del quadro normativo alla luce dell'approvazione del decreto emergenze che all'articolo 41 stabilisce nuovi limiti e condizioni di utilizzo e l'individuazione di ulteriori linee di lavoro per la gestione dei fanghi.

All'incontro ha partecipato anche l'onorevole Elena Lucchini, capogruppo in Commissione Ambiente della Camera, che ha illustrato gli avanzamenti del decreto in vista della sua ratifica in Parlamento.

SUPERATA EMERGENZA - "Il lavoro che abbiamo fatto in questi mesi, grazie alla collaborazione tra enti e operatori, ha portato intanto a un superamento dell'emergenza, evitando rischi immediati per l'ambiente e la salute dei cittadini - ha commentato Cattaneo al termine dell'incontro -. Ora il lavoro dovra' concentrarsi sull'individuazione di ulteriori utilizzi dei fanghi, alternativi allo spandimento in agricoltura. Per questo abbiamo condiviso la creazione di una task force, che metta a fuoco nuove linee di azione attraverso proposte e provvedimenti che indirizzino al meglio le scelte degli operatori".

LA PROPOSTA - Cattaneo ha sottolineato, quale obiettivo di questa legislatura, che delle oltre 800 mila tonnellate di fanghi prodotti annualmente in Lombardia, una parte consistente dovra' essere indirizzata ad altri usi, che non riguardino soltanto il settore agricolo, come la termovalorizzazione, la produzione di laterizi o la trasformazione energetica.

NECESSITA' TAVOLO INTERASSESSORILE - I partecipanti all'incontro hanno espresso apprezzamento per il lavoro svolto in questi mesi e condiviso la necessita' di un tavolo tecnico, coordinato dalle Direzioni Ambiente e Agricoltura che coinvolga, oltre agli operatori, anche il mondo scientifico per individuare nuove linee di lavoro per la gestione dei fanghi. (LNews)

 

mam

12-OTT-2018 16:00