+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Marche]
PRESIDENTE CERISCIOLI: “DA LEGA-5STELLE NESSUNA RISPOSTA SUL SISMA. NECESSARIO UN RUOLO PIENO DELLE REGIONI NELLA RICOSTRUZIONE”

venerdì 9 agosto 2019

    “Ci piacerebbe credere che il governo Lega – Cinque Stelle sia caduto proprio dopo gli attacchi sul terremoto per il quale non  hanno fatto niente, purtroppo invece cade  per un’altra ragione – commenta il presidente della Regione Marche Ceriscioli -, perché dopo aver sperperato  50 miliardi di euro in politiche che non hanno dato nulla in termini di crescita e occupazione al Paese, dovendo far pagare il conto agli Italiani, ha preferito nascondersi.  Lega e 5 Stelle portano addosso la responsabilità enorme  nei confronti dei cittadini del sisma proprio per il fatto di non aver fatto nulla. Parliamo dei fatti: un anno fa lavoravano sul sisma  434 persone nei Comuni e nelle Province. All' Ufficio speciale ricostruzione erano 143 e un anno dopo sono gli stessi. Un anno dopo sono quindi esattamente gli stessi se non qualche unità in meno.  Il Governo ha aggiunto 0 personale in più sul sisma. Questo è il fatto inappuntabile, incontrovertibile, inattaccabile, inoppugnabile. Ma in realtà le cose stanno ancora peggio:  molti di questi tecnici lavorano con contratti a termine con scadenze ravvicinate. sicuramente, hanno in questo tempo assunto capacità operative e competenze importanti di cui noi avremo bisogno molto oltre la scadenza degli attuali contratti . Il nuovo governo , quando si insedierà, come primo provvedimento dovrà prorogare i contratti di tutti questi professionisti indispensabili per la ricostruzione e a questi dovranno essere aggiunte altre unità. Le 120 persone promesse non sono  ancora arrivate, ma se non si stabilizzano prima quelli che ci sono il rischio è una confusione totale dove  anziché aggiungere 120 unita, saranno quelli  con i contratti in scadenza  che oggi già lavorano negli uffici e nei Comuni della Regione a partecipare  al concorso. Il rischio è un effetto caos paralizzante per la ricostruzione. Gli altri protagonisti della ricostruzione sono i liberi professionisti marchigiani: architetti, ingegneri, geometri altre figure tecniche, che stanno lavorando sulla ricostruzione privata  e vengono pagati solo a intervento finito.  Questi tecnici  continuano a fare da banca allo Stato: il valore del lavoro che hanno fatto e per il quale non hanno ricevuto nulla ammonta ad oltre 100 milioni i crediti, questo perché manca una legge che preveda anticipazioni. Anche questo va sbloccato perché è un altro elemento di rallentamento e di paralisi. E’ quindi importante che ci sia un serio impegno da parte di chi vorrà  candidarsi al governo del Paese e dare risposte al problema più grande che ha la Regione Marche: la ricostruzione. La Lega e i Cinque stelle hanno dimostrato di non essere in grado di mantenere gli impegni presi alle ultime elezioni politiche nazionali. Hanno voluto centralizzare tutto nelle loro è in quelle del commissario nazionale e il risultato è un fallimento. Quello che serve è l’esatto contrario: dare un ruolo pieno nella ricostruzione alle Regioni nominando i presidenti commissari, e ascoltando le istanze dei territori”.