+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Veneto]
AGRICOLTURA: CHI CONOSCE I FONDI EUROPEI LI PROMUOVE A PIENI VOTI, ASSESSORE PAN, “PSR E FONDI FEASR UTILI PER L’84% DEGLI OPERATORI, MA ANCORA POCO CONOSCIUTI TRA I CITTADINI”

venerdì 23 agosto 2019

 

Chi lo conosce ne apprezza i risultati: oltre il 75 per cento di quanti conoscono il Programma di sviluppo rurale, o che almeno ne hanno un’idea anche indiretta, crede che le strategie regionali di intervento messe in campo per l’agricoltura e l’ambiente, sostenute dai fondi europei, siano utili e abbiano effetti positivi. L’83,7 per cento degli operatori del settore intervistati valuta che Psr e fondi Feasr siano strumenti utili per la propria attività, li ha già sperimentati oppure ha intenzione di farlo.

 

“I risultati del sondaggio sulla conoscenza e l’utilizzo dei fondi Ue in agricoltura sono incoraggianti – commenta l’assessore regionale all’agricoltura Giuseppe Pan, analizzando i dati della rilevazione a campione commissionata allo studio Quaeris srl e segnalata all’Authority per le comunicazioni – Il 94% dei cittadini intervistati guarda favorevolmente alle politiche di sostegno allo sviluppo rurale attuate sinora in Veneto. E il 79,7 per cento degli oltre 200 soggetti portatori di interesse coinvolti nel partenariato regionale – composto dalle rappresentanze istituzionali, economiche, sociali e ambientaliste del sistema dello sviluppo rurale - ha dichiarato di apprezzare le modalità di coinvolgimento attuate dalla Regione. Anzi, quasi i due terzi dei nostri partner istituzionali ritengono aumentate le occasioni di coinvolgimento diretto nella programmazione regionale.”

 

“Il Psr 2014-2020 e il fondo europeo Feasr hanno attivato in Veneto strategie e interventi per oltre 853 milioni di euro già impegnati– ricorda Pan – Siamo di fronte all’intervento finanziario più cospicuo tra gli ultimi cicli di programmazione europea, che porta ad investire mello sviluppo rurale del Veneto 1169 milioni di euro. E stiamo dimostrando di utilizzare questi fondi al meglio, arrivando ad impegnare buona parte della spesa prevista prima della scadenza prefissata dal 2020. Era giusto, quindi, tastare il polso dell’opinione pubblica per capire il grado di conoscenza del programma di sviluppo rurale e cogliere le valutazioni degli operatori e dei semplici cittadini, che sono i primi azionisti dell’investimento, in qualità di contribuenti, e i beneficiari finali. Se il Veneto può contare su un’agricoltura di qualità che produce prodotti sani a prezzi competitivi, se investe sul paesaggio, sull’ecosistema, sulla riforestazione e l’ottimizzazione della risorsa idrica, se il lavoro agricolo si diversifica e si integra anche con attività di turismo, di accoglienza, di produzione energetica e di riqualificazione ambientale, a beneficiarne non sono solo i produttori, ma l’intera collettività”.

 

“Per questo ritengo che le risposte degli intervistati contengano un doppio messaggio: da un lato confermano il buon lavoro svolto, dall’altro suggeriscono di fare di più per far conoscere e promuovere il Programma di sviluppo rurale – conclude Pan – A noi non basta che il Psr sia conosciuto e apprezzato dalle 75 mila imprese del mondo agricolo e dai portatori di interesse, vorremmo che fosse conosciuto di più e meglio anche dai quasi 5 milioni di residenti in Veneto. Solo in 7 su 100, alla domanda generica ‘Conosci alcune politiche e strumenti a favore dell’agricoltura?’ hanno saputo indicare il Psr e i fondi Feasr. Il nostro obiettivo, e credo quello di tutti gli operatori del primario, è rendere familiare il Programma di sviluppo rurale non solo come strumento di lavoro e ma anche come prospettiva e strategia di sviluppo integrale di un ambiente sostenibile”.