+T -T


Serracchiani, da Usa interesse per Italia che fa riforme

mercoledì 7 ottobre 2015


ZCZC9315/SXA
ONY10332_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB

In incontri a Washington attenzione per riforma lavoro e p.a.
   (ANSA) - WASHINGTON, 7 OTT - "Sicuramente a guardare l'Italia
da Washington siamo di fronte ad un Paese che per la prima volta
non solo racconta che fara' le riforme ma le sta veramente
facendo. E quindi e' in grado di presentarle concretamente. E
riscontra molto interesse la riforma del lavoro e la riforma
della pubblica amministrazione". Lo ha detto all'ANSA la
presidente della regione Friuli Venezia Giulia  e vicesegretaria
del Pd in questi giorni in missione negli Stati Uniti, a New
York e a Washington.
   "Dall'altra parte -ha detto ancora - siamo un Paese che ha
anche voglia di riconquistarsi degli spazi. Non a caso
l'incontro che abbiamo fatto ieri a New York con l'ambasciatore
Cardi presso le Nazioni Unite e' stato estremamente interessante
anche perche' c'e' veramente voglia da parte degli altri Stati
di avere di nuovo quella collaborazione intensa e quella
capacita' di relazione con l'Italia che purtroppo per troppo
tempo sono mancate".
(ANSA).

     RP
07-OTT-15 20:52 NNN


ZCZC9402/SXR
ONY10436_SXR_QBXK
R POL S41 QBXK
Serracchiani,da Usa interesse per Italia che fa riforme (2)
In incontri a Washington attenzione per riforma lavoro e p.a.
   (ANSA) - WASHINGTON, 7 OTT - Dalla visita negli Stati Uniti
emerge verso l'Italia "una rinnovata fiducia e anche un
riscontro estremamente positivo rispetto all'ultimo viaggio
fatto dal presidente Renzi nelle scorse settimane all'Assemblea
dell'Onu, dove gli incontri anche a margine hanno rafforzato
l'idea di un Paese che si sta impegnando come non mai a fare
riforme e sta avendo risultati molto positivi", ha spiegato
Serracchiani. "Non ultimo -ha aggiunto- la valutazione molto
positiva di ieri del Fondo monetario Internazionale, che vede
addirittura un'Italia che puo' fare meglio della Germania se
continua a fare le riforme, cosa che fino a qualche tempo fa
faceva parte della fantasia".
   Nella capitale degli Stati Uniti la presidente della regione
Friuli Venezia Giulia ha avuto inoltre l'occasione fare il punto
con esperti della Banca Mondiale "per capire quello che ci
aspetta nei prossimi mesi e nei prossimi anni e anche quali
possano essere le azioni piu' efficaci". Un aspetto
particolarmente interessante "anche perche' in Europa stiamo
affrontando la crisi con sistemi vari, che riguardano anche
azioni espansive come accadra' nella prossima legge di
stabilita' italiana". Il confronto assume poi specifica
rilevanza anche alla luce della "riforma delle politiche
industriali fatta in Friuli Venezia Giulia, una legge quadro che
ha legato per la prima volta le politiche industriali del
territorio alla programmazione economica europea e quindi ci
interessa avere un confronto su questi temi. (ANSA).

     RP
07-OTT-15 21:02 NNN