Regioni.it

n. 3676 - lunedì 9 settembre 2019

Sommario

+T -T
Boccia: l'autonomia la vogliamo tutti

Intervista al Quotidiano nazionale

(Regioni.it 3676 - 09/09/2019) “L'autonomia la vogliamo tutti”, afferma in una intervista al Quotidiano nazionale il neoministro degli Affari regionali, Francesco Boccia.
“Ma deve essere nel pieno rispetto della Costituzione. – rileva Boccia - Non ci può essere un'autonomia unilaterale, proposta da chi non vuole ascoltare le ragioni degli altri. Quel modello di autonomia differenziata si era arenato proprio di fronte alle difficoltà e ai contrasti sorti nella vecchia maggioranza. Anzi, ricordo che sulla scuola, le posizioni del presidente dell'Emilia, Bonaccini, coincidevano con quelle del premier Giuseppe Conte”.
"Sarebbe un grave errore - nota Boccia - riaprire il capitolo dell'autonomia dicendo che 'o si fa così o si va avanti da soli'. Con i diktat non si va lontani. Ci sono servizi e prestazioni minime che devono essere uguali in tutto il Paese. Non è una variabile secondaria".
"Ascolteremo tutti - assicura Boccia -, anche chi pensa oggi di non essere ascoltato. Ma non possiamo trasformare la Consulta, che è il livello più alto del
"Ascolteremo tutti, anche di chi pensa oggi di non essere ascoltato. Ma non possiamo trasformare la Consulta, che è il livello più alto del nostro ordinamento giudiziario, in una sorta di Tar delle amministrazioni periferiche. Il ministero che ho l’onore di guidare è costretto a impugnare centinaia di leggi regionali. E’ una patologia che è diventata molto grave negli ultimi quindici anni. E questo accade perché le leggi sono fatte in fretta e senza un preventivo confronto".
Intanto Boccia analizza “uno ad uno, tutti i progetti presentati, i punti di contrasto e le azioni portate avanti. Ho sentito che a Cernobbio i governatori hanno chiesto di essere convocati. Farò il contrario: nei prossimi giorni girerò l’Italia in lungo e in largo, partendo proprio dalle Regioni che hanno chiesto l’autonomia. Ascolterò tutti ma credo che sia lecito chiedere una capacità di ascolto anche da parte dei nostri interlocutori”.
Boccia intende quindi rappresentare gli interessi di tutto il Paese: “Sono abituato a ragionare con i numeri. Se in una regione del Sud la sanità non funziona, se un ospedale non è efficiente, sono il primo a dire che non bisogna fare sconti. Ma è necessario avere anche l’onestà intellettuale di partire dalla realtà. E’ vero che ci sono aree del Nord che hanno bisogno di infrastrutture. Ma non si deve dimenticare, ad esempio, che il Sud, pur avendo il 34% della popolazione, ha solo il 16% della rete ad alta velocità".




( gs / 09.09.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata


time
0.203s