Regioni.it

n. 3695 - venerdì 4 ottobre 2019

Sommario

Documento della Conferenza delle Regioni del 26 settembre

+T -T
Riparto dei posti per l’accesso al corso di medicina generale 2019-2021

(Regioni.it 3695 - 04/10/2019) La Conferenza delle Regioni e  delle Province autonome nella riunione del 26 settembre ha approvato un documento relativo al riparto dei posti per l’accesso al  corso di medicina generale 2019-2021  (in applicazione del D.L. 35/2019 convertito con l. 60/2019). Il testo contiene anche la tabella relativa a tale riparto.
La normativa stabilisce  che le risorse (pari 2 milioni di euro per ciascuno degli anni del triennio 2019-2021)  destinate a coprire gli oneri derivanti dalla organizzazione del corso per i laureati in medicina e chirurgia risultati idonei al concorso, siano ripartite tra le Regioni sulla base delle effettive carenze dei medici di medicina generale calcolate sulla base del numero complessivo di incarichi pubblicati e rimasti vacanti.
La tabella - corredata dal documento metodologico - è stata inviata dal presidente Stefano Bonaccini a tutti Presidenti delle regioni e delle Province autonome - per consentire l'avvio immediato delle procedure amministrative relative alla predisposizione dei bandi e di rispettare il cronoprogramma contenuto nelle linee guida adottate dalla Conferenza delle Regioni nella seduta del 25 luglio 2019.
Si riporta di seguito il testo del documento delel Conferenza delle Regioni.
Corso di formazione in medicina generale; riparto dei posti per l’accesso al  corso di medicina generale 2019-2021  in applicazione del D.L. 35/2019 convertito con l. 60/2019
Premesso che

1. L’articolo12, comma 3, DL 35/2019 convertito con L. 60/2019 stabilisce che le risorse destinate a coprire gli oneri derivanti dalla organizzazione del corso per i laureati in medicina e chirurgia risultati idonei al concorso, pari 2.000.000 €/anno siano ripartite tra le Regioni sulla base delle effettive carenze dei medici di medicina generale calcolate sulla base del numero complessivo di incarichi pubblicati e rimasti vacanti (non assegnati).
2. La relazione tecnica allegata al Decreto di cui sopra stabilisce che “il costo medio per l’organizzazione dei corsi da parte delle Regioni è di circa 1.000 euro pro-capite, per l’intera durata del percorso formativo”.
3. quanto indicato al punto precedente è stato stimato dal Ministero della Salute senza alcuna analisi preliminare presso le Regioni ed essendo evidente che è fortemente sottostimato, si può ragionevolmente intendere che i 1.000 € citati nella relazione riguardino ciascun anno di corso. Pertanto, i 2.000.000 € vengono ripartiti per 3.000 €, determinando un numero di medici ammissibili pari a 666 unità per ciascun anno di applicazione della norma.
A proposito delle spese di organizzazione dei corsi per i medici ammessi al corso di cui al punto 1 si precisa che gli stessi sono determinati in base alle scelte organizzative delle Regioni e sono mediamente superiori ai 2.000 euro per anno per ciascun medico in formazione. Tali costi derivano principalmente dal riconoscimento del compenso ai MMG per l’attività di tutoraggio (12 mesi in un triennio) e dal compenso ai MMG individuati come coordinatori.
Si rappresenta inoltre che le Regioni devono sostenere con risorse proprie anche vari ulteriori costi tra i quali: le spese organizzative (logistiche ed amministrative) per i corsisti ordinari, vista la progressiva riduzione delle stesse a carico del livello nazionale per l’incremento del numero di borse di studio, le spese di organizzazione per i corsisti soprannumerari ex L. 401/2000 (che non trovano copertura ministeriale); le spese per borse di studio da erogarsi in funzione del maggiore scorrimento delle graduatorie.
4. la programmazione del numero di corsisti da ammettere ogni anno al corso di formazione specifica in medicina generale è una prerogativa regionale (D.Lgs 368/1999 e smi). Il DM 7.3.2006 stabilisce espressamente che le Regioni approvano il bando annuale di concorso in relazione alle proprie esigenze e alle necessità formative evidenziate nelle rilevazioni dei fabbisogni, comunicate annualmente al Ministero (Articolo 1, comma 1).
Il Decreto evidenzia inoltre che i contingenti numerici da ammettere annualmente ai corsi sono determinati dalle regioni nell’ambito delle risorse disponibili e dei limiti concordati con il Ministero. La determinazione dei contingenti consegue ad una previsione triennale del fabbisogno, effettuata sulla base delle effettive esigenze, correlate sia al numero degli iscritti alle graduatorie regionali per la medicina convenzionata ancora non occupati, sia alle previsioni dei pensionamenti dei medici in servizio. (Articolo 1, comma 2).
Le Regioni all’unanimità propongono:
- di riconoscere un contributo alle spese di organizzazione pari ad 1.000 € per anno di formazione, pari ad 3.000 € procapite per il triennio e pertanto propongono di ripartire, per il triennio 2019-2022, 666 posti, derivanti dal riparto dei 2.000.000 €, anche in considerazione del fatto che non risulta sostenibile per le Regioni, né da un punto di vista economico, né da un punto di vista organizzativo/formativo, il numero di posti (2.000) stimati dal Ministero della Salute sulla base di quanto previsto nella relazione tecnica allegata al DL Calabria;

- di garantire pari opportunità di accesso a questa procedura di ammissione ai medici di tutte le Regioni di Italia mediante un numero minimo di posti attribuiti a ciascuna regione (10) da incrementare proporzionalmente agli incarichi pubblicati e rimasti, come stabilito dalla norma di riferimento (DL 35/2019 convertito con L. 60/2019);
- di ripartire pertanto i posti secondo la tabella 1 allegata, formulata sulla base dei seguenti criteri:
> numero minimo di 10 posti per ogni Regione (160 posti);
> riparto dei posti rimanenti (506) sulla base del numero complessivo di incarichi pubblicati e rimasti vacanti;
> aggiustamento numerico vincolato alla ricettività formativa massima dichiarata da ciascuna Regione nell’ambito della propria organizzazione, delle proprie risorse disponibili e delle necessità formative, correlate anche al numero degli iscritti alle graduatorie regionali per la medicina convenzionata ancora non occupati, conformemente a quanto stabilito dal DM 7.3.2006, articolo 1 comma 2.    
Roma, 26 settembre 2019 
 

Corso di formazione specifica in MMG: rilevazione del numero di incarichi pubblicati e non assegnati e riparto regionale dei posti in sovrannumero (DL 35/2019)

Approvato in Commissione Salute il 18 settembre 2019

 

TOTALE

Val d'Aosta*

3

PA Trento*

7

PA Bolzano*

 

Piemonte

87

Lombardia

127

Veneto

80

Friuli Venezia Giulia*

2

Emilia-Romagna

78

Liguria

21

Marche

29

Toscana

28

Umbria

12

Lazio

45

Campania

17

Abruzzo

20

Molise

10

Basilicata

12

Puglia

33

Calabria

32

Sicilia* ^

35

Sardegna*

10

 

688

 

* Regioni e Province Autonome escluse dalla ripartizione dei 2000 posti per le quali è indicato il numero dei medici che prevedono di ammettere in applicazione del DL Calabria.

^ La Regione Sicilia è soggetta alle ritenute di legge, pari al 49,11%, (art. 1, comma 830, L. 296/2006).


Documento della Conferenza delle Regioni del 26 settembre 2019: Corso di formazione in medicina generale. Riparto dei posti per l’accesso al Corso di medicina generale 2019-2021. In applicazione del d.l. 35/2019 convertito con l. 60/2019



( red / 04.10.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata


time
0.211s