Regioni.it

n. 3707 - martedì 22 ottobre 2019

Sommario

+T -T
Speranza su medici specializzandi confronto con Miur e Regioni

Superticket, l'obiettivo è abolirlo nel 2020

(Regioni.it 3707 - 22/10/2019) Per la riduzione del superticket che, "a seconda delle Regioni, può arrivare fino a 10 euro sulle visite specialistiche e prestazioni diagnostiche", sono stati stanziati circa 160 milioni nel 2020. Lo si legge nel Documento Programmatico di Bilancio inviato alla Ue. L'obiettivo è l'abolizione da settembre 2020.  Negli anni successivi costerà 550 milioni di euro. Sempre il Documento programmatico di Bilancio ricorda che la spesa sanitaria in rapporto al Pil si attesta in media al 6,6% nel quinquennio 2015-2019 (6,5% nel 2017) e che il Patto per la Salute 2019-2021 prevede: rafforzamento del sistema della governance sanitaria; valutazione dei fabbisogni di personale e dei riflessi sulle necessità assunzionali e sulla formazione di base e specialistica; revisione del sistema di compartecipazione al fine di promuovere maggiore equità nell'accesso alle cure; riorganizzazione delle reti di assistenza ospedaliera e territoriale, con particolare riferimento alla cronicità e alle liste di attesa.
Per quanto riguarda invece il tema dei medici specializzandi, il cui utilizzo è considerato da molti un modo per ovviare alla cronica carenza di medici, il  ministro della Salute Roberto Speranza, rispondendo il 16 ottobre al Question time alla Camera, ha spiegato che  "E' prossimo l'avvio di un confronto con il MIUR e le Regioni" per trovare un'intesa sull'utilizzo degli specializzandi in attivita' clinico-assistenziali che abbia una "uniforme applicazione su tutto il territorio nazionale", e che miri "a definire il percorso idoneo a coniugare le esigenze formative con la prestazione di attivita' clinico-assistenziali da parte degli specializzandi".  "Sulla problematica - conferma il ministro - mi e' giunto dalle Regioni un vero e proprio "grido di dolore", seguito da un documento, a cui intendo prestare la massima attenzione. Una serie di misure per fronteggiare la grave carenza di personale sanitario sono contenute nel nuovo Patto per la salute e sono oggetto di studio nell'ambito del disegno di legge di bilancio per il 2020". Nel dettaglio, ricorda Speranza, "Per fare fronte alla fuoriuscita di medici specialisti dal S.S.N., si e' gia' provveduto al reperimento di risorse aggiuntive da destinare alla formazione specialistica: nel 2019 il numero di contratti statali finanziati e' stato incrementato di 1.800 unita', totalizzando 8.000 contratti di specializzazione".
In particolare "le borse disponibili per la medicina generale per il triennio 2018 -2021 sono passate da 1.018 a 2.093; inoltre la legge di bilancio per il 2019 ha stanziato ulteriori 10 ml di euro", mentre "le borse disponibili per la specializzazione in pediatria sono state significativamente aumentate: 545 sono quelle finanziate con fondi statali per il 2019, ovvero 136 contratti in più rispetto all'anno precedente, cui si aggiungono 71 contratti finanziati dalle Regioni e da enti terzi". Per la specializzazione in medicina di emergenza ed urgenza, "sono previsti per l'anno accademico 2019/2020 229 contratti aggiuntivi rispetto ai 162 contratti finanziati nell'anno precedente; anche per tale specializzazione, per la prima volta
e' stato assicurato il fabbisogno formativo rappresentato dalle Regioni". Quanto alla norma che consente agli specializzandi dell'ultimo anno di corso di partecipare ai concorsi per la dirigenza medica, ha aggiunto il ministro, "l'obiettivo di tali disposizioni e' quello di migliorare il percorso di formazione e di immettere celermente i giovani professionisti nel S.S.N., evitando che i tempi tecnici intercorrenti tra il conseguimento del diploma di specializzazione e la pubblicazione dei bandi di concorso, possano determinare una "dispersione" degli specialisti, spesso attratti dalle strutture private". Queste disposizioni, ha concluso, "sono pienamente coerenti con quanto indicato dalla sentenza n. 249/2018 della Corte Costituzionale, la quale ha affermato che "La disciplina statale prefigura una progressiva autonomia operativa del medico in formazione, con la possibilita' di eseguire interventi assistenziali, purche' ciò avvenga con gradualita', in coerenza con il percorso formativo e comunque con la supervisione di un medico strutturato, preferibilmente il tutore ".



( red / 22.10.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata


time
0.187s