+T -T


FVG: FEDRIGA, ORGOGLIOSO PER PRIMI MESI DI MANDATO

venerdì 28 dicembre 2018


ZCZC
ADN0480 7 POL 0 ADN POL RFV

     

      Trieste, 28 dic (Adnkronos) - "Abbiamo iniziato a dare risposte
concrete e incisive, con finanziamenti consistenti, e di questo sono
orgoglioso". Riassume così i primi mesi di mandato da presidente del
Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, che oggi ha tenuto la
conferenza stampa di fine anno nel palazzo della Regione a Trieste.
"Perfino le opposizioni hanno faticato a trovare dei punti su cui
attaccarci nel corso della recente legge di stabilità regionale, con
cui abbiamo cominciato ad affrontare le criticità con determinazione e
propensione al cambiamento".
      Il primo punto toccato da Fedriga è la sanità: "Abbiamo approvato la
riforma della governance, una scelta che ha rilevanza su come si
spendono i soldi dei contribuenti, in un comparto che costa quasi 3
miliardi su un bilancio regionale di 5,5 miliardi di euro. Non
vogliamo diminuire le risorse ma spenderle bene: abbiamo ereditato un
buco di 60 milioni che abbiamo subito coperto, ora guardiamo al futuro
attraverso investimenti sull''innovazione tecnologica".
      Per quanto concerne il welfare, il presidente ha rivendicato "lo
sblocco della misura di sostegno al reddito e la scelta, che vale
anche per le case Ater, di inserire un minimo di 5 anni di residenza
in regione per l''accesso". (segue)
      (Uri/Adnkronos)
ISSN 2465 - 1222
28-DIC-18 13:54
NNNN


ZCZC
ADN0481 7 POL 0 ADN POL RFV

      (2) =

      (Adnkronos) - "Sul fronte delle attività produttive - ha aggiunto
Fedriga - abbiamo previsto interventi da 5 milioni di euro per le
start up e altrettanti per il credito di imposta che non è solo
un''agevolazione per chi investe ma anche una semplficazione nel
rapporto tra impresa e pubblica amministrazione. Ed è iniziata anche
la riduzione delle tasse per le imprese, con il taglio dell''Irap,
senza dimenticare la scelta politica di fare debito per 319 milioni di
euro: un debito sano, fatto per investire e creare sviluppo in
prospettiva di un abbassamento degli indici di crescita previsto per
il 2019. In questi momenti chi taglia alimenta la recessione, servono
misura anticicliche".
      Il governatore ha posto l''accento anche sulla creazione dell''Agenzia
Sviluppo&Impresa "per dare una regia unica e condivisa a domanda e
offerta di lavoro. Siamo stati i primi in Italia a farlo". Il tema
delle infrastrutture ha visto nel 2018 la scelta di mettere in vendita
la maggioranza delle quote di Trieste Airport: "Vogliamo portare
investitori che attirino vettori e facciano crescere la mobilità, il
nostro scopo non è nominare consiglieri di amministrazione" ha
rimarcato Fedriga che ha ribadito la volontà di chiudere i lavori
della terza corsia della A4 in tempi rapidi: "Vogliamo che l''estate
2019 sia l''ultima con i lavori sul lotto in corso. E una grande sfida
ma l''obiettivo primario è fare veloce".
      Per quanto concerne le autonomie locali, "abbiamo cambiato il
paradigma rispetto a chi ci ha preceduto, ridando dignità ai Comuni
indipendentemente dall''adesione o meno alle Unioni territoriali.
Inoltre - ha aggiunto il presidente - sono stati liberati 361 milioni
di euro di avanzi di bilancio delle amministrazioni comunali che erano
bloccati". Per il futuro Fedriga ha parlato dell''istituzione di
"Province speciali, enti di area vasta che abbiano più competenze
rispetto alle Province del passato. L''ipotesi è quella di farle andare
al voto insieme alla Regione". (segue)
      (Uri/Adnkronos)
ISSN 2465 - 1222
28-DIC-18 13:54
NNNN


ZCZC
ADN0482 7 POL 0 ADN POL RFV

      (3) =

      (Adnkronos) - Il governatore ha ricordato la misura che istituisce la
gratuità degli asili nido dal secondo figlio in poi per le famiglie
con Isee fino a 50 mila euro: "Una scelta fatta per tutelare la classe
media" ha affermato, rimarcando anche la creazione della Rete
Famiglia, "un progetto valoriale che vuole tutelare e valorizzazione
la famiglia naturale, mettendo a confronto le migliori pratiche a
livello nazionale. Firmeremo nei prossimi mesi un protocollo con la
Presidenza del Consiglio dei ministri per portare il tema anche nelle
scuole, in un clima in cui la comunicazione massima punta a demolire
il concetto stesso di famiglia".
      L''ultimo punto affrontato è stato quello relativo ai rapporti con lo
Stato: "La prima battaglia è stata quella di ridurre la partecipazione
al saldo di finanza pubblica, portandolo dagli 856 milioni di euro
pattuiti da Debora Serracchiani ai 716 milioni per il 2019. Un
risultato soddisfacente ma già gli 836 milioni per il 2020 non ci
vanno bene. A gennaio apriremo un confronto a Palazzo Chigi e sono
ottimista perchè c''è sensibilità da parte del Governo. L''ipotesi di
portare a casa i 9 decimi dell''Iva è già sul tavolo, passaggio che
potremmo abbinare alla competenza sulla fiscalità delle autonomie
locali. In ogni caso, se alla sensibilità finora dimostrata non
seguiranno atti concreti andremo avanti fino al ricorso, perchè prima
viene il Friuli Venezia Giulia e poi l''appartenenza politica".
      (Uri/Adnkronos)
ISSN 2465 - 1222
28-DIC-18 13:54
NNNN