+T -T


Kompatscher, garantita parificazione lingua tedesca

venerdì 11 ottobre 2019

ZCZC4816/SXR
OBZ52080_SXR_QBJC
R POL S41 QBJC


   (ANSA) - BOLZANO, 11 OTT - Il Consiglio provinciale ha
approvato la legge europea 2019. Fra gli articoli c'è anche
quello che equipara la lingua tedesca a quella italiana ai fini
dell'iscrizione negli ordini professionali dell'Alto Adige per
l'abilitazione all'esercizio della professione, limitatamente al
territorio della Provincia di Bolzano.
   "L'equiparazione tra la lingua italiana e quella tedesca -
sottolinea il presidente Arno Kompatscher - è una colonna
portante dello Statuto di autonomia e pone le basi per una
convivenza pacifica nella nostra Provincia. Con l'approvazione
della legge europea, le camere e i collegi professionali saranno
tenuti a iscrivere anche i professionisti che conoscano solo la
lingua tedesca". Tale iscrizione consente, in questo caso,
l'esercizio della professione esclusivamente all'interno dei
confini dell'Alto Adige.
   Ai sensi dell'articolo 53 della relativa direttiva UE
(2011/95/UE), i professionisti la cui qualifica professionale è
riconosciuta devono avere le conoscenze richieste di una lingua
ufficiale o di una lingua amministrativa dello Stato membro. Nel
territorio della Provincia di Bolzano la lingua tedesca è
assimilata alla lingua italiana ai sensi dell'articolo 99 dello
Statuto di autonomia. Essa deve quindi essere considerata a
tutti gli effetti come lingua ufficiale dello Stato membro e
lingua ufficiale dell'Unione europea.
   L'uguaglianza delle lingue tedesca e italiana deve valere
anche per l'esercizio della professione in Alto Adige. Chiunque
parli una di queste lingue ha il diritto di essere iscritto
nelle corrispondenti liste delle associazioni professionali. Il
presidente Kompatscher sottolinea che "le norme per l'ammissione
al servizio pubblico in relazione alla necessaria conoscenza
delle lingue italiana e tedesca non sono interessate
dall'articolo adottato oggi nella legge europea". (ANSA).

     WA
11-OTT-19 15:05 NNN