Federalismo fiscale; Caveri "Si mira a far regredire le autonomie speciali"

giovedì 21 giugno 2007


Federalismo fiscale; Caveri "Si mira a far regredire le autonomie speciali"

(regioni.it) l testo esaminato oggi dai presidenti delle Regioni predisposto dal governo sul federalismo fiscale ''smaschera la vera idea del ministero dell'Economia che non vuole portare le Regioni a statuto ordinario a livello di quelle speciali ma mira a fare regredire le autonomie speciali a livello di quelle ordinarie''. E' questo il commento di Luciano Caveri, presidente della Regione autonoma Valle d'Aosta, che rientrato da Roma ha illustrato al Consiglio regionale la situazione sul documento del governo.

''Il testo che ci e' stato proposto costituisce una versione fantasiosa del federalismo fiscale in quanto prevede che nel breve tempo le Regioni a statuto speciale si raccordino a quelle a statuto ordinario''. ''A questo punto - ha concluso Caveri - e' necessario che i presidenti delle Regioni partecipino al Consiglio dei Ministri che sara' chiamato ad approvare il documento sul federalismo fiscale''. Caveri ha poi precisato che da tutte le Regioni e dalle Province autonome sono giunte critiche alla bozza di testo.

E che il testo del Governo sul federalismo fiscale presenti ''alcune criticità”  e sia “difforme dalla proposta elaborata dalle regioni'' e' stato sottolineato anche dall'assessore alla presidenza della Regione siciliana, Mario Torrisi, il quale sottolinea tuttavia come vi sia stata una forte unita' da parte della Conferenza delle Regioni che ha approntato una serie di emendamenti ''che riteniamo irrinunciabili''.

Torrisi ha aggiunto che martedì 26 giugno alle 14, si terrà una nuova Conferenza delle Regioni dedicata al Dpef in vista dell'incontro (così come richiesto dalle Regioni, cfr. regioni.it n. 950) che si terrà martedì nel tardo pomeriggio con il Governo sul tema.

(red/21.06.07)

 

N. 955 - 21 Giugno 2007