[Comunicato stampa provincia autonoma di Trento]
Oggi la presentazione nella sede della Provincia, in piazza Dante DAL 15 SETTEMBRE “TRENTINOSALUTE.NET” IL PORTALE DELLA SANITA’ IN TRENTINO L’assessore Mario Magnani: “Un importante strumento dalla parte dei cittadini”

lunedì 8 settembre 2003


(c.m.) – “La pubblica amministrazione sta vivendo un periodo di radicale innovazione nel proprio rapporto con i cittadini: da un modello burocratico, finalizzato all’adempimento di norme, a un modello aziendale orientato al conseguimento dei risultati e alla soddisfazione degli utenti. Affinché questo processo di cambiamento avvenga e produca frutti è ; necessario che l’Amministrazione sia in grado di "ascoltare" e sappia “comunicare”. Deve saper ascoltare per individuare i bisogni, per comprendere i mutamenti socio-culturali in atto e per coinvolgere i cittadini nella soluzione di molti problemi di interesse generale. Deve saper comunicare per migliorare la conoscenza, la distribuzione e la fruizione dei servizi, aumentandone efficienza ed efficacia e garantendo la necessaria trasparenza”. Con queste parole Mario Magnani, assessore alle politiche sociali e alla salute della Provincia autonoma di Trento, ha aperto oggi l’ ;incontro – nella sala stampa della Provincia, in piazza Dante - per la presentazione del nuovo portale www.trentinosalute.net che sarà on line dal prossimo 15 settembre. Un sito che si presenta come il portale di tutto il servizio sanitario trentino, aperto al colloquio interattivo con i cittadini, come è stato sottolineato durante la presentazione cui hanno partecipato anche Giovanni Dossi, direttore del Servizio rapporti con il pubblici dell’Azienda sanitaria provinciale e il presidente dell’Ordine dei medici, Paolo Barbacovi e dell’Ordine dei farmacisti, Edoardo de Abbondi nonché dirigenti e tecnici del Dipartimento salute e attività sociali. “La comunicazione è un settore strategico della pubblica amministrazione per molteplici motivi – ha aggiunto l’assessore Magnani: per l’accresciuta richiesta di partecipazione dei cittadini e per l’emanazione di specifiche norme che considerano l’informazione come un diritto degli utenti e un dovere per la pubblica amministrazione; per il ruolo che la comunicazione può avere nel razionalizzare il funzionamento dell’ente, ridurne le inefficienze e migliorare i servizi; per lo sviluppo impetuoso della società dell’informazione, i vantaggi che comporta l’esserne parte attiva e i costi che deriverebbero dai ritardi nell’adeguamento tecnologico. Recenti indagini demoscopiche sottolineano la diffusa esigenza che i cittadini esprimono di maggiore informazione sui propri diritti e doveri, particolarmente per quanto riguarda gli aspetti più pratici e quelli di maggior utilità per migliorare la qualità della vita. L’elenco degli argomenti verso cui si indirizza prioritariamente la richiesta di una migliore e/o maggiore informazione, vede al primo posto tutto ciò che riguarda la salute e la sanità. Più volte, in questi ultimi anni, autorevoli personalità ai massimi livelli di respons abilità del Servizio sanitario nazionale e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno ricordato come, nell’ambito di un approccio globale, comprendente non solo il momento terapeutico e riabilitativo, ma anche la promozione della salute, una costante ed efficace comunicazione ai cittadini, ha la stessa importanza dei più tradizionali compiti di prevenzione, diagnosi e cura. Promuovere la salute della comunità e prevenire le malattie vuol dire infatti, prima di tutto, realizzare una concreta e ampia azione di informazione e sensibilizzazione dei cittadini, favorendo un processo di autoresponsabilizzazione che porti ciascuno ad adottare comportamenti e stili di vita sani”. L’assessore Magnani ha poi ricordato come a partire dal 1999 l’ assessorato provinciale alle politiche sociali e alla salute della Provincia autonoma di Trento ha dato avvio a un progetto integrato di comunicazione che prevede l’utilizzo di tutti i mezzi oggi a disposizione, da quelli più tradizionali, come la stampa a quelli più innovativi, come le reti telematiche. E così, a fianco delle varie collane che contano ormai parecchie decine di pubblicazioni, spesso redatte con la collaborazione dell’Azienda Provinciale per i Servizi sanitari, sono stati realizzati prodotti multimediali per la formazione e l’aggiornamento professionale del personale sanitario, varie campagne come quella sul corretto utilizzo dei farmaci, che riprenderà alla fine di settembre, nonché un sito web che ora “si trasforma in un portale ancor più ricco, tanto di informazioni quanto di nuovi servizi interattivi, vera porta di ingresso a tutto ciò che rappresenta la promozione della salute, la prevenzione, e l’assistenza sanitaria sul territorio trentino. “Se fino a pochi anni fa - ha concluso Magnani - si poteva considerare un sito o un portale internet come qualcosa a cui pensare più per l’ immagine dell’ente che per la sua reale utilità nei confronti dei cittadini, oggi una efficace presenza in rete costituisce una assoluta priorità, ancor più se teniamo conto che, secondo una indagine recente, il Trentino Alto Adige è al primo posto in Italia nella graduatoria rispetto al numero delle famiglie che possiedono un personal computer in casa e che per quanto riguarda gli accesi a Internet in banda larga la previsione è di chiudere il 2003 con una crescita del 230% in soli 12 mesi. Ma ecco gli obiettivi generali del progetto: realizzare un accesso unico a tutti i siti trentini inerenti la promozione della salute, la prevenzione e la cura delle malattie e a tutti i più autorevoli siti nazionali ed internazionali di settore; favorire la divulgazione di informazioni per la promozione della salute; favorire e migliorare l’aggiornamento del personale sanitario; favorire la circuitazione dell’informazione all’ interno del Servizio sanitario provinciale; favorire l’equità e migliorare l’accesso ai servizi; favorire e migliorare il rapporto con l’utenza Gli obiettivi specifici sono invece quelli di realizzare un Centro di Documentazione della Salute multimediale telematico per la formazione/aggiornamento del personale sanitario e per l’educazione alla salute dei cittadini (Archivio e Biblioteca virtuale); consentire la ricerca di informazioni attraverso percorsi personalizzati e una completa “ usabilità”; consentire la diffusione tempestiva di informazioni di carattere generale e di pubblica utilità, anche per quanto riguarda eventi, corsi, concorsi (Bacheca elettronica); realizzare servizi interattivi con l’utenza; realizzare attività di Direct marketing sociale, anche per l’aumento del grado di personalizzazione dei servizi sanitari e per la verifica del grado di soddisfazione dell’utenza (sondaggi, SMS personalizzati, etc.); realizzare un’agorà telematica per facilitare le interazioni fra cittadini, personale e strutture sanitarie. Tra i benefici attesi quelli di una riduzione del costo di gestione e incremento della velocità di diffusione dell’informazione, migliorando la facilità di accesso e la semplicità d’uso della stessa in ambito sanitario; la creazione di valore aggiunto nell’ interazione servizio sanitario utente con la possibilità di una maggiore personalizzazione del servizio e la possibilità di un help desk 24 ore su 24; la disponibilità di uno strumento per la rilevazione periodica dei bisogni, del grado di soddisfazione dell’utenza; la disponibilità di un efficace strumento di aggiornamento e di autoformazione per il personale sanitario. Molte le novità nel sito a partire da sette diverse vie di accesso ad ogni singola pagina. Ricco il menù che prevede alcune grandi aree di contenuto, dalle Strutture organizzative del Dipartimento Salute e Attività sociali (Dipartimento, Servizi, Uffici, Incarichi speciali; Rubrica telefonica ed e email); Bacheca (Avvisi, Corsi e Concorsi);Archivio (Leggi, regolamenti e piani);Biblioteca virtuale (libri, riviste, dossier on line); Formazione (Piano provinciale di Formazione, Formazione di base, formazione continua ECM); Progetto Comunicazione per la Salute (le collane, le campagne, i materiali promozionali, i testi teorici); Progetti di ricerca; Area Intranet (rassegna stampa quotidiana, documenti, forum riservati). Molti i link previsti: da quello al sito dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari al sito dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri e di altri Ordini professionali, da quello del Ministero Salute all’OMS, dalla home page della Provincia autonoma di Trento alle Pagine Televideo. Altro punto di forza, i servizi interattivi. Si va dalla mailing list alla chat, dal forum ai sondaggi, dai suggerimenti e reclami alla possibilità di inviare e ricevere SMS, alla creazione di news group. Infine va ricordato che il portale e' stato realizzato grazie ad una efficace interazione fra competenze e strutture organizzative del pubblico e del privato del Trentino. Da una parte il Servizio Programmazione e Ricerca Sanitaria della Provincia autonoma di Trento, in particolare il piccolo gruppo di lavoro che si occupa del Progetto di Comunicazione, dall’altra la ditta Anthesi di Riva del Garda. La Provincia si è occupata dell’architettura concettuale del Portale, della progettazione grafica, del coordinamento editoriale, della redazione e dell’inserimento dei contenuti; Anthesi ha provveduto a sviluppare il software di sistema, con un costante rapporto di consulenza per la soluzione dei problemi tecnologici che di giorno in giorno si presentavano in relazione alla costruzione del portale. Sono state impiegate le più moderne tecnologie presenti sul mercato, con una piattaforma adatta alle rapide evoluzioni basata sull'emergente architettura open-source, libera da costi di software di base. Fotoservizio e filmato a cura dell’Ufficio stampa